ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Siria, la grande crisi del pane. Le famiglie tornano a preparare il tannour in casa

Access to the comments Commenti
Di Debora Gandini
euronews_icons_loading
Siria, la grande crisi del pane. Le famiglie tornano a preparare il tannour in casa
Diritti d'autore  FADEL SENNA/AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Qahwa è madre di otto figli. Vive nella città di Dier el Zor in Siria. Sta preparando in casa il tradizionale pane tannour. La grande crisi del grano nel Paese ha portato a una carenza di questo alimento primario nei panifici tradizionali.

"Il pane delle panetterie non è abbastanza per noi, ci racconta Qahwa. Quindi sono costretta a fare io l'impasto e cuocere il tutto per nutrire i miei figli. Abbiamo bisogno almeno di 50 di questi panini.” Prima della guerra la Siria non aveva alcun tipo di problema, anzi c’era un surplus di grano, ora deve importarlo. Nel 2020 è riuscita ad aumentare la produzione solo di 1 milione di tonnellate, un quarto della sua produzione prima del conflitto e un terzo del suo fabbisogno locale.

Il Professore Omar Abdul Razzaq, Preside della Facoltà di Agraria dell’Università Deir Ezzor ci fa notare che la regione nord-orientale del Paese ha avuto un incremento di produzione del grano del 50 e il 60%. “Questa zona è sfuggita al controllo dello stato. E diversi gruppi terroristici e armati hanno istituito dei loro presidi sui terreni agricoli. Inoltre il fiume Eufrate è la principale fonte di acqua per l'agricoltura e il controllo della Turchia sull’acqua che scorre in territorio siriano sta provocando enormi problemi al settore agricolo. Noi importiamo quantità sufficienti dalla Russia per coprire il fabbisogno dei cittadini.”

Pandemia, guerra e crisi alimentare

Questa situazione non fa altro che gravare su un'economia fortemente in crisi. Il governo ha limitato la quantità di pane che ogni famiglia può acquistare, raddoppiando i prezzi nell'ultimo anno. E così le donne hanno ricominciato a fare in pane in casa.

"Noi compriamo il pane - ci racconta Jamila- ma un sacchetto costa parecchio e abbiamo solo 14 pagnotte. Non bastano per la famiglia. A volte, non riusciamo a comprare pane per un giorno o due giorni. I bambini vanno a dormire che hanno ancora fame. Dove possiamo prendere il pane? Prendiamo il grano dagli aiuti che arrivano dalla Mezzaluna Rossa, e siamo tornati a cuocere il tannour sul forno elettrico. Aspettiamo ore prima di avere l’elettricità per fare l'impasto e infornare.”

Secondo gli ultimi dati delle Nazioni Unite, il 60% dei siriani vive in condizioni di insicurezza alimentare a causa della guerra. Senza contare che la Siria ha perso quasi un milione di ettari di terreni agricoli.