ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Strisce pedonali in 3D. Dall'Islanda alla Danimarca un progetto per la sicurezza stradale

Access to the comments Commenti
Di Debora Gandini
euronews_icons_loading
Strisce pedonali in 3D. Dall'Islanda alla Danimarca un progetto per la sicurezza stradale
Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

Quando si dice che l'apparenza inganna. In Danimarca, ad Aarhus, la seconda città più grade del Paese, si stanno sperimentando le cosiddette strisce pedonali tridimensionali, in poche parole in 3D. Un’idea nata per fare in modo che automobilisti e ciclisti rallentino nei pressi degli attraversamenti pedonali. Sono in pratica delle illusioni ottiche dipinte sulle strade.

Come ci spiega Rikke Smed Winding, che ha lavorato a questo progetto, l’obiettivo è fare in modo che chi è alla guida di un’auto o una moto rallenti la velocità. Un modo per prevenire incidenti con i pedoni. Abbiamo creato questa sorta di spazi o strisce in 3D per garantire che tutti possano attraversare in sicurezza. Un dispositivo per attirare l’attenzione.”

Le strisce pedonali in 3D sono state dipinte nelle principali vie della città, un tentativo economico e semplice di disincentivare l’eccessiva velocità. Un attraversamento di questo genere spinge le persone a credere che ci sia qualcosa che blocca la strada, con conseguente rallentamento.

In prossimità delle particolarissime zebre l’istinto è quello di toccare il freno e a rallentare per evitare di schiantarsi contro quelle che da lontano sembrano assi di cemento che levitano a mezz’aria. Strisce pedonali simili sono state installate già in altri paesi come Islanda, Australia e Thailandia