EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

La rivolta dei migranti in Lituania: "porte aperte" decise da Lukashenko

La rivolta dei migranti in Lituania: "porte aperte" decise da Lukashenko
Diritti d'autore Mindaugas Kulbis/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Diritti d'autore Mindaugas Kulbis/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Di Debora Gandini
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Per l'Unione europea il flusso di migranti dalla Bielorussia è inaccettabile. Per il piccolo Stato baltico è emergenza. il Presidente Lukashenko sta creando una crisi migratoria come ritorsione per la sanzioni imposte a Minsk

PUBBLICITÀ

Ammassati, in condizioni spesso disumane. Ogni giorno centinaia di migranti dalla Bielorussia in Lituania subito fermati dalle autorità locali. In un centro di detenzione la polizia ha usato un cannone ad acqua e gas lacrimogeni per disperdere un gruppo di loro in rivolta per le condizioni di vita precarie. Secondo l’Unione europea il Presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko sta creando una crisi migratoria in Lituania come ritorsione per la sanzioni imposte a **Minsk.  **

Ylva Johansson, Commissario europeo per gli Affari Interni era a Vilnius il giorno in cui si raggiunse il record di arrivi e di relativi arresti di migranti, 287. Da 70 all'anno si è passati a 2.700 in un mese, quello di luglio. “E’ una provocazione del regime di Lukashenko - ha sottolineato la Johansson- Quello che sta accadendo è assolutamente inaccettabile. Non c'è libero accesso al territorio europeo. La Lituania, l'Unione europea e gli stati membri sono obbligati a impedire l'accesso non autorizzato all'area Schengen”.

Ue: stop alle provocazioni di Lukashenko

Per sostenere la Lituania, Bruxelles ha deciso di stanziare 12 milioni di euro mentre Frontex, l’agenzia dell’Unione europea per il controllo delle frontiere ha promesso di aumentare il supporto alla Lituania per aiutare ad arginare gli arrivi. Vilnius oltre a creare tendopoli e centri di accoglienza sta costruendo barriere e tirando filo spinato ai confini.

Secondo le indagini di Bruxelles ci sarebbero prove del fatto che il governo bielorusso starebbe impegnandosi attivamente per portare migranti direttamente sul suolo nazionale, indirizzandoli poi verso il piccolo stato Baltico.

In tutti i paesi lungo il confine si sono svolte proteste da parte dei residenti che si oppongono ai piani del governo del primo ministro della Lituana, Ingrida Šimonytė**, **di costruire nuovi centri di accoglienza per gli immigrati. Le autorità lituane sono certe che la maggior parte dei migranti che tentano di entrare nel paese sia partita da Minsk, la capitale della Bielorussia, dove arrivano su uno dei quattro voli settimanali dall'Iraq, che trasportano fino a 500 passeggeri.

Secondo la Lituania, l'afflusso di migranti è un evidente atto di ritorsione del presidente bielorusso Alexander Lukashenko nei confronti delle sanzione inflitte dall'Unione europea alla Bielorussia e ai funzionari governativi e per l'accoglienza, da parte del governo lituano, di Svetlana Tikhanovskaya, leader dell'opposizione bielorussa, che ora vive a Vilnius.

Risorse addizionali per questo articolo • Associated Press

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

UE: "La Bielorussia non strumentalizzi la questione-migranti in Lituania"

Presidenziali in Lituania: cittadini al voto per la sfida tra Nausėda e Šimonytė

Elezioni presidenziali in Lituania: Nauseda vince il primo turno, ballottaggio il 26 maggio