ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il ricatto di Lukashenko all'Ue: migranti verso la Lituania

Access to the comments Commenti
Di Eloisa Covelli
euronews_icons_loading
Il ricatto di Lukashenko all'Ue: migranti verso la Lituania
Diritti d'autore  Photo : Mindaugas Kulbis (Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.)
Dimensioni di testo Aa Aa

160 migranti irregolari sono entrati in Lituania dalla Bielorussia nelle ultime 24 ore, molti di questi sono iracheni. La Lituania ha dichiarato lo stato d'emergenza: sono un migliaio al momento i migranti presenti sul territorio, un numero 12 volte maggiore rispetto a tutto il 2020. Per l'Unione europea si tratta di una mossa ricattatoria del Lukashenko che ha così risposto alle sanzioni europee, comminate per il rapimento di un giornalista tramite il dirottamento di un aereo.

"Siamo preoccupati per il flusso dei migranti. Sta crescendo ogni giorno. È un problema per tutto lo Stato", dice Vidas Macaitis, vice comandante della polizia di confine lituana.

Il principale campo di Pabrede è stracolmo e molti vengono dirottati in altri comuni. Alcuni scappano e finisco in Polonia o nel resto d'Europa.

Frontex, l'agenzia europea di controllo dei confini, è stata chiamata a dare una mano in Lituania. Per Von der Leyen quello che sta succedendo non è un caso.

C'è un disegno, un disegno manovrato dalla politica. La Commissione e l'Unione europea sta al vostro fianco in questo momento difficile.
Ursula von der Leyen
presidente della Commissione europea

Secondo i funzionari lituani le autorità bielorusse stanno chiudendo un occhio sugli arrivi all'aeroporto di Minsk da Iraq e Turchia. I passeggeri finiscono guarda caso al confine con la Lituania.