EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Sudafrica in ginocchio: morti e arresti mentre proseguono i saccheggi

Sudafrica: violenze e saccheggi
Sudafrica: violenze e saccheggi Diritti d'autore Themba Hadebe/Copyright 2021 The Associated Press
Diritti d'autore Themba Hadebe/Copyright 2021 The Associated Press
Di Debora Gandini
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Proseguono i saccheggi e le violenze dopo l'arresto di Zuma. Quasi un centinaio di morti. Oltre 1000 le persone arrestate. Presi d'assalto magazzini e centri commerciali. Una crisi che riporta il Paese ai tempi dell'apartheid

PUBBLICITÀ

Morti, violenze e scontri. Non si fermano le proteste in Sudafrica iniziate dopo l’arresto dell’ex presidente Jacob Zuma, condannato dalla Corte Suprema a 15 mesi di reclusione. Il bilancio, che si aggrava di ora in ora, parla di quasi un centinaio di vittime, tra cui anche dei ragazzini.

Saccheggi, devastazioni di negozi e centri commerciali da Johannesburg a Durban ma la situazione più pesante si registra nella provincia di Kwazulu-Natal, nell'est del Paese. Le immagini che girano mostrano persone che si accalcano nei grandi magazzini per portare via cibo, acqua, vestiti o altri prodotti.

Khumbudzo Ntshavheni, Ministro per lo Sviluppo delle Piccole Imprese ha espresso profonda preoccupazione per quanto sta accadendo lanciando un appello alla popolazione ad aiutare la polizia per fermare i disordini. In molti ormai imbracciano le armi per difendere la loro casa o le loro proprietà. Ma non è questo il modo per combattere la violenza.

I saccheggi sono proseguiti anche dopo l’appello alla calma da parte delle autorità e il dispiegamento dei militari, deciso dal presidente Cyril Ramaphosa. Sono ingenti i danni economici: case, mercati, negozi e grandi magazzini distrutti, treni fermi, taxi a singhiozzo.

Migliaia di persone che sono scese in strada per protestare insieme a varie associazioni locali hanno iniziato a pulire. Se non si torna alla normalità il prima possibile le conseguenze saranno devastanti per l’economia. Dall’inizio delle rivolte sono più di 1200 le persone arrestate, la maggior parte a Johannesburg mentre il Sudafrica sta vivendo una pesante crisi economica causata dalle restrizioni anti Covid.

Si tratta dell’azione di criminali e opportunisti, ha spiegato un portavoce della polizia. Raramente si erano visti episodi del genere. Intanto nel paese la mobilitazione dell’esercito prosegue e c’è chi al governo chiede lo stato di emergenza.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Sudafrica in controtendenza, leoni in aumento (rispetto al resto del mondo)

Congo, imboscata dell'ADF causa 16 morti

Sudafrica, ecco la rituale corsa delle sardine