Ancora proteste, saccheggi e violenze in Sudafrica. 72 morti e 1.200 arresti

Ancora proteste, saccheggi e violenze in Sudafrica. 72 morti e 1.200 arresti
Diritti d'autore Themba Hadebe/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I disordini sono iniziati dopo la condanna a 15 mesi di carcere dell'ex presidente Zuma

PUBBLICITÀ

È il caos totale in Sudafrica. Negozi e centri commerciali saccheggiati, mentre per strada proseguono le proteste e la repressione poliziesca. Sono almeno una settantina i morti e oltre 1.200 gli arresti dopo giorni di tumulti, causati dalla condanna a 15 mesi di carcere di Jacob Zuma. L'ex presidente per i giudici ha oltraggiato la corte, nell'ambito di un processo per corruzione.

"L'attuale situazione sul terreno è sotto forte sorveglianza e ci assicureremo che non si deteriori ulteriormente", dichiara Bheki Cele, ministro della polizia sudafricana. "Non possiamo permettere che qualcuno si prenda gioco del nostro Stato democratico e abbiamo incaricato le forze dell'ordine di raddoppiare gli sforzi per fermare la violenza e aumentare il dispiegamento sul terreno".

Nelle strade sudafricane è sceso in campo anche l'esercito, con 2.500 soldati schierati a sostegno della polizia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Sudafrica: autobus di pellegrini precipita in un burrone e si incendia, 45 morti

Oscar Pistorius lascia il carcere: scontati quasi nove anni per l'omicidio di Reeva Steenkamp

Johannesburg, uno dei peggiori incendi di edifici al mondo