Attentato all'elicottero di Iván Duque. presidente della Colombia: "Non ci fermiamo un minuto"

Sono ben visibili i danni causati dai proiettili all'elicottero di Duque.
Sono ben visibili i danni causati dai proiettili all'elicottero di Duque. Diritti d'autore Cesar Carrion/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Di Cristiano TassinariAP - AFP
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Tutti illesi a bordo dell'elicottero, colpito con sei proiettili. Oltre al presidente Duque, c'erano anche il ministro degli Interni e quello della Difesa. Un avvertimento in piena regola da parte dei nemici di Duque: narcotrafficanti, ex Farc e guerriglieri dell'Esercito di Liberazione Nazionale

PUBBLICITÀ

Tutti illesi.

Sei proiettili - almeno sei - contro l'elicottero del Presidente della Colombia, Iván Duque (44 anni), in carica dall'agosto 2018.

Cesar Carrion/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Un primo piano di alcuni fori di proiettile sulla fiancata dell'elicottero.Cesar Carrion/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

L'elicottero presidenziale colombiano su cui viaggiavano il Presidente, i ministri della Difesa e degli Interni, Diego Molano e Daniel Palacios, il Governatore del dipartimento del Norte de Santander e alcuni membri dell'equipaggio, è stato colpito esternamente, mentre era in volo sulla regione del Catatumbo, famosa - tra l'altro - per i suoi fulmini.

Cesar Carrion/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Ecco l'elicottero presidenziale colombiano.Cesar Carrion/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

È quanto mostra un video di un'ora distribuito dall'ufficio stampa della presidenza colombiana riguardante il velivolo, un Sikorsky BlackHawkUH-60L di matricola FAC, poi atterrato all'aeroporto internacional "Camilo Daza" di Cúcuta.

"Non vacilleremo per un solo minuto"

Subito dopo lo scampato pericolo, Iván Duque ha rilasciato questa intervista:
"Ribadiamo che come governo non vacilleremo per un solo minuto, per un solo giorno, nella lotta contro il narcotraffico, contro il terrorismo e contro le organizzazioni del crimine organizzato che operano nel paese".

Cesar Carrion/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Iván Duque subito dopo l'attentato: a sinistra il ministro degli Interni Daniel Palacios e destra quello della Difesa Diego Molano.Cesar Carrion/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

Un messaggio ai nemici

L'attentato non è stato rivendicato, ma il Presidente Duque ha mandato un messaggio ben preciso ai suoi nemici: narcotrafficanti, ex FARC (Fuerzas Armadas Revolucionarias de Colombia-Ejército del Pueblo) e guerrigilieri dell'Esercito di Liberazione Nazionale (ELN), particolarmente attivi nella regione del Catatumbo, dove si è verificato l'attacco.

Una settimana fa un'autobomba è esplosa davanti alla 30. Brigata dell'Esercito Nazionale a Cúcuta, provocando numerosi feriti.

Il momento è difficile, politicamente, per il Presidente Duque, alle prese da oltre un mese con una forte ondata di proteste popolari in tutta la Colombia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Colombia, mobilitato l'esercito per tenere sotto controllo le proteste

Farc, ''il guerrigliero Santrich è morto'', ma non c'è l'ufficialità

Colombia, sequestrate 195 tonnellate di cocaina in maxi operazione antidroga