This content is not available in your region

Colombia, mobilitato l'esercito per tenere sotto controllo le proteste

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Proteste in Colombia
Proteste in Colombia   -   Diritti d'autore  JUAN BARRETO/AFP or licensors

In Colombia si scende in piazza a protestare contro l'azione del governo e si muore.
Altre 3 vittime venerdì nella città di Cali, che si aggiungono alle 46 del bilancio ufficiale - tra cui due poliziotti - nell'ultimo mese. Human Rights alza la stima a 63 morti.

Il presidente colombiano Ivan Duque annuncia il dispiegamento dell'esercito: "Voglio rendere assolutamente chiaro che a partire da stasera inizia il massimo dispiegamento di assistenza militare alla polizia nazionale nella città di Cali e nel dipartimento della Valle (del Cauca)".

La polizia si è scontrata con i manifestanti nell'ambito delle agitazioni che accendono il Paese. A Madrid Cundinamarca, alla periferia della capitale Bogotà, gli agenti hanno dispiegato i cannoni ad acqua contro i dimostranti, che hanno risposto lanciando pietre.

In generale, la repressione delle forze di sicurezza è stata durissima. Amnesty International è in grado di confermare che in diversi casi le forze di sicurezza hanno usato armi letali e hanno fatto ricorso indiscriminato ad armi non letali come gas lacrimogeni e cannoni ad acqua. "Le forze di sicurezza hanno usato fucili Galil Tavorn il 30 aprile a Cali e armi semi-automatiche il 2 maggio a Popayán. Il 1° maggio a Bogotá sono stati sparati proiettili veri da un blindato”.

Piegati dalla crisi Covid, i colombiani hanno avviato una serie di scioperi contro la riforma fiscale in cantiere: misure impopolari come l'abbassamento della soglia del reddito imponibile e l'aumento dell’imposta sul valore aggiunto. Anche se la riforma è stata rapidamente ritirata, ha innescato un'ampia mobilitazione antigovernativa da parte di persone che si sono sentite abbandonate a se stesse nella crisi sanitaria, e arrabbiate per la risposta pesante delle forze di sicurezza.