This content is not available in your region

L'Italia torna a "respirare". Bruxelles apre ai turisti Usa vaccinati

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
L'Italia torna a "respirare". Bruxelles apre ai turisti Usa vaccinati
Diritti d'autore  Antonio Calanni/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

È la grande giornata delle riaperture, in quasi tutta Italia. Dopo settimane di zona arancione o rossa, torna il giallo. Riaprono i battenti i musei romani, pur nel pieno rispetto di tutte le misure anti Covid in vigore.

"È bello e allo stesso tempo è brutto", dice un romano. "Roma merita qualche visitatore in più. Quindi, è bello perché siamo soli e possiamo fare foto senza dover chiedere a nessuno di spostarsi, ma è brutto perché questo museo merita molte più persone".

Gli italiani tornano a sedersi al tavolo, anche se - per il momento - solo all'aperto. Via libera anche ai cinema e al 70% degli studenti delle superiori, che ritornano in presenza.

Si può degustare una birra all'aria aperta anche in Scozia, dove i pub con il dehors hanno rialzato le saracinesche, così come negozi, palestre, piscine, dopo quattro mesi di chiusura.

Nel frattempo, mentre prosegue l'allentamento delle restrizioni, la Commissione europea annuncia che gli statunitensi che saranno vaccinati potranno visitare il vecch io continente quest'estate.

"L'uso di vaccini - approvati anche dall'Ema - negli Stati Uniti aiuterà a consentire i viaggi nell'Unione", spiega il portavoce della Commissione Europea per gli affari interni, Adalbert Jahnz. "Abbiamo fatto una proposta per i certificati verdi digitali: gli Stati membri potranno riconoscere i titolari di pass vaccinali, i quali hanno ricevuto un siero tra quelli approvati dall'Ema e siamo già in contatto con le nostre controparti statunitensi, sui certificati verdi digitali anche in termini di garanzia di coerenza e compatibilità."

Nonostante la situazione sia tutt'altro che sotto controllo, la Francia riapre scuole materne ed elementari, dopo una chiusura di tre settimane, tra didattica a distanza e vacanze primaverili. È il primo passo verso un deconfinamento più generale. Da lunedì prossimo ci si potrà spostare senza limitazioni in tutto il Paese, mentre a metà maggio dovrebbero riaprire negozi e locali all'aperto.