ULTIM'ORA
This content is not available in your region

EMA: "Nessuna prova contro AstraZeneca", Pfizer: "Vaccino sicuro a partire dai 12 anni"

Di Roberto Alpino & Cristiano Tassinari
euronews_icons_loading
AP Photo
AP Photo   -   Diritti d'autore  Markus Schreiber/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Pfizer annuncia che il suo vaccino è sicuro e fortemente protettivo nei bambini a partire dai 12 anni.

Un passo verso la possibilità di offrire a questa fascia di età un ritorno a scuola in sicurezza, in autunno: i test sugli oltre 2.000 giovani volontari statunitensi hanno escluso categoricamente casi di Covid dopo la doppia dose di vaccino.

Annunciato anche un aumento della produzione del 25%, per giungere ad una previsione di 2,5 miliardi di dosi nel 2021.

"L'obiettivo è rendere disponibili i vaccini per bambini e adolescenti il più rapidamente possibile, se sarà possibile - dice Hanno Kautz, portavoce del ministero della Salute tedesco - ma tutto va revisionato, questo è un primo studio, che deve essere approvato per altre fasce professionali".

Germania: no ad AstraZeneca per gli under 60

Ennesimo duro colpo per la credibilità del vaccino di AstraZeneca, ora ribattezzato Vaxzevria.

La Germania ha introdotto su tutto il territorio nazionale il divieto di utilizzo del vaccino di AstraZeneca ai cittadini al di sotto dei 60 anni.

La decisione arriva dopo che l'autorità di regolamentazione sanitaria tedesca ha registrato 31 segnalazioni di trombosi su circa 2 milioni e 700.000 dosi gà inoculate in tutto il Paese.

In nove di questi casi, il paziente è deceduto (sette donne tra i 20 e i 63 anni e due uomini).

Decisioni simili - per fascia d'età - sono state prese anche da Canada, Francia, Finlandia, Svezia e Islanda.

La Cancelliera Angela Merkel prova a fare chiarezza.

"La fiducia nasce dalla consapevolezza che ogni sospetto, ogni singolo caso, sarà indagato a fondo. I governi federali e statali sono già stati informati. Le nuove regole per l'uso del vaccino di AstraZeneca, naturalmente, avranno conseguenze anche per l'organizzazione della campagna di vaccinazione nel prossimo futuro".
Angela Merkel
66 anni, Cancelliere federale della Germania dal 2005
AP Photo
Angela Merkel durante la dichiarazione su AstraZeneca.AP Photo

La difesa di EMA e OMS

Per l'Agenzia europea per i medicinali, le prove non supportano tale limitazione.

"I benefici del vaccino Astra Zeneca nella prevenzione del Covid", dice Emer Cooke, direttrice esecutiva dell'EMA, "superano i rischi di effetti collaterali, non ci sono prove a sostegno della limitazione del suo utilizzo per ogni fascia d'età".

Anche l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sostiene AstraZeneca.

"Le prove di efficacia, sicurezza e qualità della produzione", afferma Kate O'Brien, Direttrice del Dipartimento di immunizzazione", pesano ancora molto in favore dell'uso del vaccino, che dunque è sicuro".

L'Austria "sogna" lo Sputnik

Intanto, in Austria, il Governo del Cancelliere Sebastian Kurzè in trattative con la Russia per acquistare un milione di dosi del vaccino Sputnik V che, però, deve ancora essere approvato dall'Agenzia europea del farmaco.

Lo stesso Kurz spiega: "Nei prossimi giorni terremo dei colloqui con gli esperti, con il presidente della Camera dei medici austriaci, ma anche con i partiti presenti in Parlamento, per arrivare rapidamente ad una decisione.

Dal mio punto di vista, ha senso non guardare da dove proviene un vaccino, se è sicuro ed efficace".

AP Photo
Il Cancelliere austriaco Sebastian Kurz.AP Photo

Vaccini a go-go

Inoltre, l'Unione Europea annuncia che gli Stati membri riceveranno 107 milioni di dosi di vaccino entro la fine di questa settimana: nonostante i ritardi, la Commissione si attiene al piano di vaccinare il 70% degli adulti entro la fine dell'estate.

I più bravi con le vaccinazioni? Gli inglesi

Sotto un sole quasi estivo, nel Regno Unito circa la metà della popolazione ora ha anticorpi contro il Covid, attraverso la malattia stessa già superata o con la vaccinazione.

La parte più importante del lavoro è stata svolta dal programma di vaccinazione organizzato dal governo di Boris Johnson, con oltre 30 milioni di persone che hanno già ricevuto almeno una dose di vaccino.

Francia: parchi e fiumi presi d'assalto, Macron richiude le scuole

In Francia hanno scatenato polemiche le foto e i video pubblicati su Twitter che mostrano città come Lille e Lione strapiene di persone che si godono il sole di primavera.

In riva al fiume Saona, a Lione, è andato in scena un vero e proprio "rave party" pomeridiano (il coprifuoco comincia alle 19).

Le immagini - poi rimosse da Twitter, ma ormai diventate virali - mostrano poca prudenza nell'uso delle mascherine e del rispetto del distanziamento sociale, in un Paese che ha il record europeo di casi (oltre 4 milioni e mezzo) e le terapie intensive degli ospedali sono ormai al collasso.

Inevitabile, a questo punto, un nuovo confinamento più rigido in tutta la Francia.
Dopo che è stata superata la soglia dei 5.000 malati in rianimazione, il presidente Emmanuel Macron ha annuncato una ulteriore stretta per combattere la terza ondata di Covid-19.
Per tutto il mese di aprile, la Francia sarà interamente "rossa" (com'era già la zona di Parigi) e, dopo un anno, vengono richiuse le scuole.

Da martedì 6 aprile sono previste una settimana di insegnamento a distanza, poi due settimane di vacanze, quindi dal 26 aprile il rientro per materne ed elementari, con scuole medie e superiori a distanza. Dal 3 maggio, infine, tutti dovrebbero di nuovo essere presenti in classe.
Nelle università, si potrà continuare ad andare in presenza una volta a settimana.

Chiudono i negozi giudicati non essenziali, lo smart.working sarà potenziato e il coprifuoco continua, ora dalle 19 alle 6 del mattino.