ULTIM'ORA
This content is not available in your region

40 giorni confinati in una grotta in nome della scienza

euronews_icons_loading
Clot
Clot   -   Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Un esploratore e 14 assistenti per condurre un esperimento nella grotta di Lombrives in Francia. Protagonista di questo confinamento volontario è Christian Clot insieme a un gruppo di uomini e donne che hanno deciso, in tempo di lockdown e Covid-19, di dare un contributo alla ricerca scientifica.

40 giorni di reclusione, senza vedere la luce del giorno. Senza alcuna nozione del tempo. Come nel mito della Caverna di Platone. François Mattens partecipante all'esperimento : "Si tratta di partecipare a un progetto che va oltre il mio mondo, il mio immaginario”, ci racconta François Mattens, uno dei volontari. “Una sfida vera. Non so se questo potrà aiutare le future missioni spaziali o lunari; comunque vada sarà qualcosa di emozionante.”

Per la prima volta al mondo sono stati creati trentanove chilometri di gallerie e l’obiettivo è capire come il corpo umano e il cervello si adattano a una reclusione così lunga e faticosa. “In un contesto estremo, con un nuovo stile di vita, ovviamente non sappiamo come reagiremo, come il nostro cervello e il nostro corpo risponderanno ai cambiamenti”, ha sottolineato Christian Clute, esploratore e fondatore dell'Human Adaptation Institute nel settembre 2020.

Il mito moderno della caverna di Platone

Niente orologi, niente smartphone o luce naturale. Sette uomini e sette donne, insieme al capo missione Clot dovranno anche abituarsi a vivere a -12 gradi e all'umidità del 95% della grotta di Lombrives. Nel team reclutato e testato, secondo il protocollo sanitario, c’è anche Arnaud Burel, in giovane biologo. "Non sarà facile vivere con 14 persone in un luogo così chiuso. È molto difficile. La comunicazione sarà fondamentale. Personalmente penso che il vero nodo da superare sarà proprio questo, essere in grado di convivere, di lavorare insieme, soprattutto in un contesto così inusuale, dove manca tutto. E anche il tempo sembra non passare mai.”

Per questo esperimento, il progetto Deep Time ha ricevuto 1,2 milioni di euro di finanziamenti, da parte di partner privati o pubblici, ma soprattutto dall'Human Adaptation Institute. La grotta di Lombrives è una delle più grandi al mondo, meta di turisti da tutta Europa. Ora sarà per un mese e mezzo la sede di un esperimento scientifico dove 15 esseri umani dovranno mettere alla prova, a una dura prova, corpo e mente.