ULTIM'ORA
This content is not available in your region

OMS: "Cina non collabora con le indagini sul covid"

Access to the comments Commenti
Di Alberto De Filippis
euronews_icons_loading
Images
Images   -   Diritti d'autore  AFPTV
Dimensioni di testo Aa Aa

Il segretario dell'Organizzazione mondiale della sanità martedì si è detto "deluso" dal fatto che i funzionari cinesi non abbiano finalizzato i permessi per l'arrivo di una squadra di esperti in Cina per esaminare le origini del COVID-19.

Ghebreyesus, in una rara critica a Pechino, ha affermato che Pechino deve ancora fornire i permessi necessari agli esperti internazionali.

Tedros Adhanom Ghebresyesus, direttore generale OMS: "Sono molto deluso da questa notizia. Due nostri esperti si erano già messi in viaggio . Altri hanno visto i loro viaggi annullati all'ultimo minuto, dopo essere stati in contatto con alti funzionari cinesi. Ho chiarito che questa missione è una priorità per l'OMS. Mi è stato assicurato che la Cina sta accelerando le procedure interne perché i nostri esperti possano mettersi al lavoro prima possibile."

Il Regno Unito ha intanto registrato per la prima volta più di 60.000 nuovi casi di coronavirus in appena un giorno. Il primo ministro britannico Boris Johnson ha spiegato che l'aumento dei tassi di infezione non aveva lasciato al governo "altra scelta" se non quella di imporre un terzo confinamento.

Johnson ha poi ricordato che oltre 1,3 milioni di persone erano state vaccinate contro COVID-19 nel Regno Unito: "In questo gruppo ci sono oltre 650.000 persone di età superiore a 80 anni, che rappresenta il 23% di tutti gli ultraottantenni in Inghilterra. Ciò significa che quasi uno su quattro dei membri di uno dei gruppi più vulnerabili è vaccinato . Il resto lo sarà entro due o tre settimane."

La Germania sta invece estendendo le misure di blocco fino alla fine del mese e imponendo nuove restrizioni per gli hotspot del coronavirus. Nell'ambito dell'estensione, gli incontri sociali in tutta la Germania devono essere limitati a un visitatore esterno a ciascuna famiglia, e in futuro sarà richiesto al personale e ai visitatori che entrano nelle case di cura di eseguire test rapidi obbligatori in anticipo.

La Danimarca ha imposto oggi nuove misure di blocco volte a frenare la rapida diffusione della nuova variante del coronavirus che si ritiene sia più trasmissibile, ha affermato il primo ministro del paese.