ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Vaccino AstraZeneca: dal 4 gennaio iniezioni al via nel Regno Unito, primo Paese al mondo

Di Euronews
euronews_icons_loading
Vaccino AstraZeneca: dal 4 gennaio iniezioni al via nel Regno Unito, primo Paese al mondo
Diritti d'autore  Universidad de Oxford/AP
Dimensioni di testo Aa Aa

Dal 4 gennaio i cittadini del Regno Unito potranno ricevere un secondo vaccino anti-Covid. Il Paese è il primo al mondo ad aver approvato quello sviluppato da AstraZeneca in collaborazione con l'Università di Oxford e l'Irbm di Pomezia.

Diversamente da quanto previsto, non è invece imminente il via libera da parte dell'Ema, l'Agenzia europea per i medicinali, che ha chiesto più dati al gruppo farmaceutico. Così come anche da parte dell'FDA negli Stati Uniti, dove per ora si continuerà a iniettare solo i prodotti di Moderna e di Pfizer-BioNtech.

Quest'ultimo è l'unico vaccino attualmente in uso nell'Unione europea e a Singapore, primo Paese asiatico ad averne ricevuto le dosi e la cui somministrazione è iniziata il 30 dicembre.

Euronews
I vaccini anti-Covid attualmente somministrati nell'UE, negli USA e a SingaporeEuronews

Il russo Sputnik V viene somministrato dal 5 dicembre nella madre patria, e dal 29 in Bielorussia e in Argentina. Da lunedì in Russia verranno vaccinati anche gli over 60 - finora esclusi in attesa di ulteriori test - e Vladimir Putin ha detto che sarà presto fra loro.

Euronews
Il vaccino russo Sputnik V è attualmente somministrati in Russia, Bielorussia e ArgentinaEuronews

In Turchia è arrivato il vaccino cinese della Sinovac Biotech, ma si dovrà attendere due settimane di test prima dell'avvio delle somministrazioni. Il governo ha intenzione di acquistare anche il Pfizer-BioNtech.

Euronews
Il vaccino cinese Sinovac Biotech è arrivato anche in TurchiaEuronews

Mentre è in atto nei Paesi più ricchi l'accaparramento delle dosi, l'Organizzazione mondiale della sanità, per bocca del suo direttore generale Tedros Ghebreyesus, ha rinnovato l'appello per il finanziamento del programma COVAX per una distribuzione equa in tutto il mondo del vaccino.

Il piano, a cui hanno aderito oltre 150 Paesi, tra cui quelli dell'Unione europea, necessita urgentemente, ha detto Ghebreyesus, di quattro miliardi di dollari per l'acquisto di vaccini da destinare alle Nazioni più povere.