ULTIM'ORA
Advertising
This content is not available in your region

Germania, digitale e gesso: la scuola 'ibrida' non si ferma

euronews_icons_loading
Germania, digitale e gesso: la scuola 'ibrida' non si ferma
Diritti d'autore  AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Al liceo Otto-Nagel di Biesdorf, Berlino est, come la maggior parte delle lezioni anche l'ora di matematica inizia con i laptop aperti e gli occhi sulla lavagna digitale. Questo liceo ha iniziato la sua transizione verso l'educazione digitale più di 10 anni fa. Ora ogni alunno ha un Mac e il WiFi è disponibile in tutta la scuola. Quindi, quando è arrivata la pandemia di COVID-19, l'adattamento al sistema ibrido: lezioni sempre in classe, a casa gli alunni fragili o con famigliari a rischio, è stato facile. La Germania non ha mai chiuso le scuole durante il secondo confinamento, anche se non tutti gli istituti sono così attrezzati e anche se proseguono altre restrizioni: chiusi bar, ristoranti, palestre.

L'insegnante di matematica Tristan Dörr, insegnante di matematica, racconta: "Siamo già dovuti passare a lezioni ibride per alcuni giorni e ha funzionato. Abbiamo anche acquistato videocamere e dotato tutte le nostre classi di un microfono. In questo modo possiamo fare lezioni più o meno normali e poi trasmetterle in streaming e per chi è a casa è possibile partecipare attivamente e porre domande".

Ma il passaggio dal gesso alla lavagna digitale in Germania non è la norma per tutti. Secondo un sondaggio condotto dell'associazione per l'educazione, solo il 42 per cento delle scuole in Germania sarebbe pronto per lezioni ibride. Anche l'ultimo studio internazionale sull'informatica e l'alfabetizzazione informatica ha rilevato che solo un quarto delle scuole dispone di una rete WiFi completamente funzionante.

Recenti massicci investimenti per la digitalizzazione scolare

Più che una questione di soldi è una questione di tempo, gli investimenti nel settore infatti sono recenti. L'anno scorso il governo tedesco ha firmato un patto digitale di 5 miliardi di euro per le scuole. E a settembre di quest'anno, sono stati stanziati circa 6,5 miliardi di euro per dotare insegnanti e bambini svantaggiati di dispositivi, e formare amministratori IT.

Per Heinz-Peter Meidinger, presidente dell'Associazione tedesca degli insegnanti, è il sistema federale, con il decentramento dell'istruzione, che rallenta il progresso. "Non capisco perché ci vuole così tanto tempo per accedere ai soldi - dice - Dovremmo davvero andare a tutto gas. Ma anche se accelerassimo il nostro lavoro ora, ci vorrebbero ancora sei mesi prima che i fondi raggiungano effettivamente tutte le scuole".

Ma il coronavirus è adesso e con una stima di 40.000 scolari già in quarantena, tra sei mesi potrebbe essere troppo tardi.