ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Portogallo: 1000 euro al mese e turni massacranti, infermieri in fuga

euronews_icons_loading
Infermieri al Santa Maria hospital (Lisbona)
Infermieri al Santa Maria hospital (Lisbona)   -   Diritti d'autore  Armando Franca/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Sofia, infermiera in un ospedale di Porto (nord del Portogallo) si è ammalata di covid-19. Al ritorno, dopo una lunga malattia, si è ritrovata a fare sette turni settimanali di 18 ore a 7 euro l'ora. Condizioni che spingono molti dei suoi colleghi a espatriare: 18mila infermieri portoghesi lo hanno già fatto, secondo l'ordine professionale, e trovare personale disposto a lavorare in patria è sempre più difficile. Sara e Maria sono pronte a partire per Bristol. "Forse, in altri Paesi, ad esempio l'Inghilterra dove vogliamo andare, offrono condizioni migliori - denuncia Maria - perché ci apprezzano di più". "In questo momento in Portogallo non ci sono le condizioni affinché gli infermieri possano lavorare bene, imparino, e allo stesso tempo siano al sicuro e siano apprezzati - spiega Sara - Non c'è posto per noi in questo Paese ora".

L'80 % degli infermieri guadagna 1000 euro al mese

Secondo il College of Nurses, tra il 70% e l'80% degli infermieri in Portogallo riceve circa 1000 euro netti al mese. Luís Barreira, vice presidente del College of Nurses spiega che "Il Portogallo non può perdere questi infermieri, perché ogni giorno riceviamo richieste da istituzioni nazionali. La verità è che loro confrontano le condizioni che hanno qui con le condizioni che hanno in altri Paesi, che sono molto più attraenti, e scelgono di conseguenza. Ecco perché diciamo, con grande convinzione, che in questo momento dovremmo discutere e il governo dovrebbe pensare chiaramente a quale strategia adottare per farli restare qui".