ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Coronavirus in Europa: allerta nei Balcani

Coronavirus in Europa: allerta nei Balcani
Dimensioni di testo Aa Aa

Crescono i contagi da Coronavirus nella Repubblica Slovacca, uno dei paesi europei con il più basso tasso di morti da Covid-19. Lunedì le autorità sanitarie decideranno se imporre nuove restrizioni. Nell'area balcana è alta l'allerta. A Belgrado, la capitale serba migliaia di persone hanno manifestato, nonostante il divieto di assembramento, contro la gestione dell'emergenza sanitaria.

La situazione in Italia

In Italia il premier Conte ha detto che si sta pensando di prorogare lo stato di emergenza fino al 31 dicembre. Questo significa che alcuni provvedimenti, come lo smart working, continueranno ad esistere. "Non è ancora stato deciso tutto - prosegue il presidente del Consiglio -, ma ragionevolmente si andrà in questa direzione". La proroga potrebbe arrivare già la settimana prossima: il 14 luglio scadrà il Dpcm attualmente in vigore, quello che contiene tra l'altro le modalità d'ingresso in Italia e la sospensione delle crociere. Preoccupano in questo paese soprattutto i contagi di importazione come quelli nel Lazio legati alla persone in arrivo dal Bangladesh.

Riapre il museo Pushkin a Mosca

Riapre il museo Pushkin di Mosca, anche se in Russia si contano migliaia di nuovi contagi ogni giorno. La Federazione ha superato ufficialmente gli 11mila morti da Coronavirus

La Norvegia riapre le frontiere

La Norvegia aprirà mercoledì le frontiere ai turisti della maggior parte dei paesi europei.

Ricomincia il calcio in Francia

A partire da questo weekend, in Francia, riaprono gli stadi - chiusi da marzo. Si comincia con gli incontri amichevoli, con un massimo di 5mila spettatori e precise regole per evitare il contagio.