ULTIM'ORA
This content is not available in your region

BCE: con più debito l'area euro rischia di sfaldarsi

euronews_icons_loading
BCE: con più debito l'area euro rischia di sfaldarsi
Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

Una crisi che si allarga alle banche, i livelli di debito pubblico che salgono esponendo al tritacarne del mercato i titoli di Stato, soprattutto quelli dei Paesi più deboli fino a quando lo spread non rimonta a livelli insostenibili. In questo scenario è compreso il rischio di disgregazione della zona euro.

La Banca centrale europea lancia l'allarme rosso con la financial stability review, relazione semestrale pubblicata questo martedì. "E' una delle più importanti e veloci contrazioni economiche di sempre quella causata dal coronavirus - scrivono a Francoforte - la possibilità di riprendersi dipenderà molto dall'abilità futura dei governi di contenere il debito e dall'efficacia delle politiche fiscali e monetarie messe in atto".

Alla vigilia delle comunicazioni della commissione sul recovery fund la BCE avverte che l'ora più cupa forse deve ancora arrivare: "l'aspettativa è che la crisi economia legata alla pandemia sia temporanea ma potrebbero esserci ostacoli alla ripresa nonostante le politiche di sostegno", scrive la BCE.

Tra i fattori di rischio vengono elencati, tra l'altro, gli alti debiti pubblici e la scarsa redditività delle banche. Francoforte non rinnega le politiche di acquisto dei titoli di Stato ma avverte che potrebbero non essere sufficienti sul medio e lungo termine soprattutto se succedesse il peggio: paura, scarso potere d'acquisto, consumi congelati e, altra ipotesi da considerare: nuova ondata di contagi, e un nuovo confinamento.

Per saperne di più

Isabel_Schnabel

](https://pod.link/ecbpodcast/episode/dGFnOnNvdW5kY2xvdWQsMjAxMDp0cmFja3MvODI3NjAyNTMx)