ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid-19: Macron e Merkel presentano proposta per recovery fund da 500 miliardi di euro

euronews_icons_loading
(L-R) French President Emmanuel Macron, German Chancellor Angela Merkel (Photo by Odd ANDERSEN / AFP)
(L-R) French President Emmanuel Macron, German Chancellor Angela Merkel (Photo by Odd ANDERSEN / AFP)   -   Diritti d'autore  ODD ANDERSEN/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

Berlino e Parigi propongono un piano di ricostruzione per l'Europa dopo la crisi da 500 miliardi di euro. La "comune iniziativa" franco-tedesca riguarderà il piano di ricostruzione delle economie europee dopo la pandemia di Covid-19.

COSA PREVEDE L'ACCORDO

Queste le caratteristiche del Fondo per il rilancio previsto dall'iniziativa franco-tedesca. Il Fondo sarà "temporaneo e mirato, nel quadro del prossimo quadro finanziario pluriannuale, un aumento del quale sarà previsto nei primi anni". Francia e Germania propongono:

  • Di autorizzare la Commissione europea a finanziare questo aiuto al rilancio con un'emissione di debito comune sui mercati a nome dell'Ue su una base giuridica che rispetti in pieno il Trattato europeo, il quadro finanziario dell'Ue e i diritti dei parlamenti nazionali.
  • Il Fondo di rilancio sarà dotato di 500 miliardi di euro sotto forma di spese inserite nel bilancio Ue per i settori e le regioni più colpiti, sulla base di programmi di bilancio dell'Ue e nel rispetto delle priorità europee. Esso rafforzerà la resilienza, la convergenza e la competitività delle economie europee e accrescerà gli investimenti, in particolare nella transizione ecologica e digitale e nella ricerca e l'innovazione.
  • I finanziamenti del Fondo di rilancio saranno mirati sulle difficoltà legate alla pandemia e sulle sue ripercussioni. Si tratterà di un complemento eccezionale, integrato nella decisione relativa alle risorse proprie, con un volume e una data di scadenza chiaramente specificati, e che sarà legato a un piano di rimborso vincolante al di là del prossimo quadro finanziario pluriennale sul bilancio Ue.
  • Un accordo di insieme rapido sul quadro finanziario pluriennale e sul Fondo di rilancio è necessario per far fronte alle grandi sfide alle quali l'Ue deve rispondere.
  • Questo sostegno al rilancio completa gli sforzi nazionali e la serie di misure adottate dall'Eurogruppo; esso si fonderà su un impegno chiaro da parte degli Stati membri per l'applicazione di politiche economiche sane e un programma di riforme ambizioso.
  • Il miglioramento del quadro europeo per raggiungere una fiscalità equa nell'Ue resta una priorità, in particolare con l'introduzione di una tassazione minima effettiva e di una tassazione equa dell'economia digitale in seno all'Unione, appoggiandosi idealmente su conclusioni fruttuose dei lavori dell'Ocse, oltre che sull'applicazione di un quadro comune per la tassa sulle imprese.

MERKEL: RECOVERY FUND DECISIVO

Il Recovery fund deve dare un contributo decisivo perché l'Europa "esca rafforzata e solidale dalla crisi del coronavirus. L'Europa deve rimanere unita: a questo scopo proponiamo di mettere insieme un fondo temporaneo di 500 miliardi di euro da mettere a disposizione delle spese necessarie" per risollevare l'economia colpita dal coronavirus. Lo ha detto Angela Merkel in conferenza stampa in video collegamento insieme al presidente francese, Emmanuel Macron. "È decisivo", ha aggiunto la cancelliera", che un "tale fondo sia rispettoso dei trattati e che rispecchi l'autonomia dei diversi Stati membri dell'Ue".

SFORZO STRAORDINARIO

Merkel ha parlato di "uno sforzo straordinario e unico" che abbia come obiettivo la "coesione dell'Europa". L'ampliamento della cornice del bilancio europeo deve essere ratificata dai parlamenti europei, e in Germania dal Bundestag, ha spiegato la cancelliera. Merkel ha ribadito che la crisi del coronavirus ha colpito in modo diverso i Paesi europei, "mettendo a rischio la coesione europea". Il Recovery Fund dovrà dare un contributo alla tenuta dell'Europa, assicurando che questa esca dalla crisi insieme e più forte di prima.

500 MILIARDI RIMBORSATI NON DAI DESTINATARI, MA DAGLI STATI MEMBRI

I 500 miliardi di euro del fondo di rilancio varato oggi dall'iniziativa franco-tedesca "dovranno essere rimborsati", ha precisato il presidente Emmanuel Macron rispondendo a una domanda dopo il vertice con Angela Merkel. "Non saranno però rimborsati dai destinatari" del prestito, ma "dagli Stati membri".

MACRON: COORDINAMENTO PIÙ FORTE SULLA SALUTE

Creare un coordinamento più forte in Europa nell'ambito della salute "deve diventare una nostra priorità". Lo ha affermato il presidente francese, Emmanuel Macron, durante la conferenza stampa.

RISPOSTA ECONOMICA FORTE

"I 500 miliardi di euro sono lì per rispondere alla crisi sanitaria ed economica e andranno a settori non solo tecnologici. È una forte risposta economica che aiuterà a combattere la disoccupazione nelle regioni più vulnerabili", ha affermato il presidente francese, Emmanuel Macron, presentando insieme alla cancelliera tedesca Angela Merkel un piano di rilancio delle economie europee dopo il coronavirus.

VON DER LEYEN: PROPOSTA COSTRUTTIVA

"Accolgo con favore la proposta costruttiva fatta da Francia e Germania. Riconosce la portata e le dimensioni della sfida economica che l'Europa deve affrontare e giustamente pone l'accento sulla necessità di lavorare su una soluzione con il bilancio europeo al centro". Lo dice la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. "Ciò va nella direzione della proposta su cui sta lavorando la Commissione, che terrà conto anche delle opinioni di tutti gli Stati membri e del Parlamento europeo", aggiunge.