ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid-19: il celebre teatro Old Vic di Londra rischia di chiudere per sempre

Covid-19: il celebre teatro Old Vic di Londra rischia di chiudere per sempre
Diritti d'autore  DANIEL LEAL-OLIVAS/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

Uno dei teatri più famosi di Londra e del mondo, The Old Vic, rischia il collasso finanziario a causa della pandemia di Covid-19.

La direzione ha dovuto licenziare la maggior parte del personale da quando il governo ha decretato la serrata degli spettacoli per contenere la diffusione del virus mortale. Al momento di scrivere, non è stata ancora fissata dall'esecutivo una data per la riapertura di teatri e cinema.

L'Old Vic, di cui Kevin Spacey è stato in passato direttore artistico, non riceve alcun finanziamento pubblico. In quanto organizzazione no profit, si sostiene grazie alla vendita dei biglietti, le donazioni e le sponsorizzazioni.

L'ordine di chiudere tutto è arrivato "ad un paio di settimane dalla fine della programmazione di un'opera di grande successo, Finale di partita di Beckett. Stavo terminando le prove per lo spettacolo successivo, ovvero 4.000 miglia con Eileen Atkins e Timothée Chalamet", dice a Euronews il direttore artistico, Matthew Warchus. "Dover interrompere tutto questo, e trovarsi poi a mettere il lucchetto all'edificio è stata una cosa enorme. L'ostacolo più grande poi è stato valutare situazione finanziaria dell'istituzione".

Tutti i teatri di tutto il Regno Unito sono in crisi

Adam Penford, direttore artistico della Nottingham Playhouse, indica a Euronews che i tre quarti del fatturato del teatro sono generati dalla vendita dei biglietti.

"Lo schema dei aiuti ai lavoratori disoccupati del governo è stato d'aiuto, ma nel momento in cui finirà, se dovesse trascorrere del tempo tra la fine del sostegno al reddito e l'inizio della vendita dei biglietti, ci potremmo trovare in grosse difficoltà finanziarie".

"Le arti e il teatro hanno bisogno di un aiuto maggiore perché finché non riusciremo a rimetterci in piedi finché non riusciremo a far entrare il pubblico. E, fino ad allora, non riusciremo a trovare stabilità economica", ha aggiunto, sottolineando che il teatro si autofinanzia alcuni degli spettacoli ogni anno attraverso una pantomima natalizia, anch'essa a rischio cancellazione.

Penford ha invitato il governo a prolungare le misure di sostegno oltre la data di ottobre già annunciata.

"Per ogni sterlina di sussidio che va alle industrie creative, si stima che tra le cinque e le sei sterline vengano restituite all'economia, quindi ha senso investire nel settore culturale perché a lungo termine generiamo denaro per il sistema economico".