Le elezioni irlandesi non hanno un vero vincitore, non sarà facile formare il governo

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Le elezioni irlandesi non hanno un vero vincitore, non sarà facile formare il governo
Diritti d'autore  AP Photo/Peter Morrison

La sinistra nazionalista dello Sinn Fein testa a testa con i due tradizionali partiti dominanti del centro destra secondo gli exit poll Ipsos-MRBI delle elezioni svoltesi oggi in Irlanda. La formazione radicale, paladina della riunificazione con l'Irlanda del Nord, è data al 22% come i liberalconservatori del Fianna Fail, non più alla guida del governo di Dublino da 12 anni, e i popolari del Fine Gael del premier uscente Leo Varadkar, il più giovane della storia irlandese moderna. Il margine d'errore è dell'1,3%.

I dati esatti

I dati esatti del primo exit poll vedono il Fine Gale di Varadkar al 22,4% (meglio degli ultimi sondaggi della vigilia), con il Sinn Fein di Mary Lou McDonald al 22,3 e il Fianna Fail di Micheal Martin al 22,2. Dato il margine di errore, si tratta di una parità virtuale, anche se in termini di seggi - in considerazione del sistema elettorale irlandese e del numero di candidati presentati - si possono prevedere i due partiti di centro-destra davanti al Sinn Fein, che comunque è la formazione che realizza la vera avanzata di questa consultazione: spinta dal dossier Brexit e soprattutto dalle ricette economiche radicali evocate contro le disuguaglianze sociali. Più indietro i Verdi, indicati al 7,9%, quindi i Laburisti al 4,6 e i Socialdemocratici al 3,4. Lo scrutinio dei voti reali è previsto per domani, con i primi risultati ufficiali indicativi in giornata e il completamento dello scrutinio entro lunedì 10.