Nigeria: crolla scuola elementare, bambini sotto le macerie

Nigeria: crolla scuola elementare, bambini sotto le macerie
Di Paola Cavadi
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Sarebbero almeno 40 le persone, tra cui 25 bambini, che le squadre di soccorso sono riuscite ad estrarre ancora in vita dalle macerie. Molti altri sarebbero ancora seppelliti dai detriti. Ancora sconosciute le cause del crollo. La scuola allestita al terzo piano dell'edificio crollato era abusiva.

PUBBLICITÀ

Almeno 40 persone, tra cui 25 bambini sono stati estratti vivi dalle macerie di un edificio di tre piani crollato a Lagos, in Nigeria.

Il palazzo al terzo piano ospitava una scuola elementare abusiva frequentata da almeno un centinaio di studenti la maggior parte dei quali, insieme a molti altre persone che abitavano nell'edificio, si trovano ancora sotto le macerie. Le operazioni di soccorso sono proseguite per tutta la notte, 12 i morti, per lo più bambini,ma i numeri potrebbero cambiare. 

Le squadre di soccorso sono al lavoro per cercare di estrarre persone in vita. Sconosciute al momento le cause del crollo.

La Nigeria ha standard molto bassi di sicurezza nella costruzione degli edifici: i regolamenti, pur esistenti, spesso non vengono applicati e i materiali usati sono di scarsa qualità. Nel 2016 piu' di 100 persone persero la vita nel crollo di una chiesa nel sud est del Paese.

"La scuola era stata allestita abusivamente" - ha dichiarato a Sky News il governatore dello Stato di Lagos, Akinwunmi Ambode, a proposito dell'edificio crollato accusando il proprietario dell'edificio d non aver eseguito gli ordini di demolizione delle costruzioni pericolanti della zona.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Germania, un 17enne entra con un coltello in un liceo: quattro feriti, due gravi

Usa, madre condannata per la strage a scuola commessa dal figlio minorenne: è la prima volta

Nei Paesi Bassi stop a smartphone e tablet in classe