Messico: una commissione per i 43 studenti desaparecidos

Messico: una commissione per i 43 studenti desaparecidos
Di Gioia Salvatori
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'ha istituita il presidente Obrador. Dopo 4 anni ancora nessuna verità sugli studenti di Ayotzinapa il cui bus venne assalito dai poliziotti

PUBBLICITÀ

Una commissione d'inchiesta per fare luce sulla strage degli studenti di Ayotzinapa, uno dei momenti più bui della storia recente del Messico.

 L'ha istituita il neo presidente Manuel Lopez Obrador, nel tentativo di scoprire la verità sui 43 giovani scomparsi a Iguala il 26 settembre del 2014, dopo che la polizia aveva fatto irruzione nell'autobus su cui viaggiavano per portare via loro, di cui non si è più saputo nulla, e sparare ad altri: 

"Forse presto sapremo la verità, forse presto ci sarà giustizia, e potremmo dare un esempio, affinché i diritti umani non siano più violati nel nostro Paese", ha detto Obrador.

La commissione verrà istituita in 30 giorni e includerà rappresentanti dei familiari delle vittime, oltre che tecnici ed esponenti del governo. 

Se si saprà la verità difficile dirlo. L'inchiesta ufficiale, che vuole i ragazzi vittime di un gruppo di narcos che li avrebbe massacrati, bruciati, buttati in una discarica e in un fiume, non ha mai convinto tante famiglie e gli inquirenti stranieri che puntano dritti il dito contro l'ex presidente Peña Nieto e la sua polizia che voleva fermare per sempre quei ventenni, mentre andavano a una manifestazione proprio in ricordo di altri universitari massacrati: le vittime della strage di piazza delle tre culture nel 1968.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Messico: il dramma delle madri dei desaparecidos

Indagine su uso di lacrimogeni al confine con il Messico

Città del Messico: in marcia i familiari dei 43 studenti scomparsi a Iguala nel 2014