EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Perché i pazienti portoghesi non possono accedere alla cannabis terapeutica

La cannabis terapeutica è legale e il Portogallo ne coltiva molta, ma i pazienti non possono averne accesso
La cannabis terapeutica è legale e il Portogallo ne coltiva molta, ma i pazienti non possono averne accesso Diritti d'autore Aylin Elci
Diritti d'autore Aylin Elci
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Nel 2022, il Portogallo ha esportato 9 tonnellate di cannabis, ma solo 14 kg sono stati venduti all'interno dei suoi confini. I pazienti ricorrono ancora al mercato nero, nonostante la pianta sia legale nel Paese

PUBBLICITÀ

Quando Paula Motta ha scoperto la cannabis terapeutica nel 2017, era ancora illegale in Portogallo.

Sua figlia di 10 anni soffriva di episodi epilettici fino a quattro volte al giorno, alcuni della durata di 20 minuti, mentre le 16 pillole giornaliere che prendeva erano inefficaci contro la sua sindrome di Dravet.

Motta decise di somministrare alla figlia gocce di estratto di cannabis e, col tempo, le crisi della bambina si ridussero.

L'adolescente continua a prendere due pillole insieme a due gocce di cannabis, una al mattino e una alla sera, e gli episodi si verificano solo "ogni quindici giorni, per circa due minuti".

"La cannabis medica le ha cambiato la vita", ha detto Motta, parlando con Euronews Health nella sua casa di Porto.

La cannabis medica è stata approvata nel 2018 e regolamentata nel 2019 in Portogallo,il primo Paese al mondo a depenalizzare l'uso ricreativo di tutte le droghe nel 2001. I farmaci, i preparati e le sostanze a base di cannabis per "scopi terapeutici" sono legali.

Motta, che è cofondatrice di Mothers for Cannabis, un'associazione creata per guidare i genitori di bambini con malattie non curabili, continua oggi a violare la legge: la forma di cannabis che dà a sua figlia non è legale in Portogallo.

Mentre decine di aziende farmaceutiche e agricole si sono riversate nel Paese dopo la legalizzazione della cannabis medica, l'accesso rimane estremamente limitato per i pazienti portoghesi.

Solo 14 chili venduti

L'unico prodotto attualmente venduto in Portogallo è il fiore di cannabis del produttore canadese Tilray, con il 18% di THC, il principale componente psicoattivo della pianta.

I pazienti possono fumare la gemma o riscaldarla con una macchina e inalare il vapore.

The only product which is currently sold in Portugal is Canadian producer Tilray’s cannabis flower, with 18 per cent THC.
The only product which is currently sold in Portugal is Canadian producer Tilray’s cannabis flower, with 18 per cent THC.Aylin Elci

Una confezione da 15 g costa 150 euro, ben oltre i prezzi del mercato nero, e non è rimborsata dall'assicurazione sanitaria. Inoltre, il fiore può essere prescritto solo a pazienti affetti da sette patologie specifiche per le quali tutte le altre opzioni "chimiche" si sono rivelate infruttuose.

Il prodotto non viene stoccato dai tre maggiori fornitori farmaceutici del Paese e nel 2022 sono state vendute solo mille scatole di Tilray, l'equivalente di 14 chilogrammi.

Nello stesso anno, nove tonnellate di cannabis terapeutica sono state esportate dal Portogallo dalle circa 40 aziende stabilite nel Paese, tra cui Somai Pharmaceuticals.

Il Portogallo è un mercato ancora piccolo

A circa 30 minuti di auto a nord di Lisbona, le macchine del suo modernissimo stabilimento europeo sono in funzione e i suoi dipendenti sono occupati quando Euronews Next accede nell'edificio. L'azienda, fondata nel 2019, punta a diventare un leader mondiale del settore.

"Il Portogallo è l''infrastruttura' numero uno per la cannabis in tutta l'Unione europea. Hanno il maggior numero di coltivazioni, necessarie per la produzione, hanno un'agenzia di regolamentazione che ci approva e grandi aziende come Tilray hanno aperto la strada per rendere le cose più efficienti per le aziende come noi", ha detto Michael Sassano, il fondatore di Somai.

Dalle capsule in gel agli oli, tutta la cannabis medica prodotta dall'azienda americana viene esportata e nessuno degli 80 diversi prodotti farmaceutici che vende in tutto il mondo è disponibile in Portogallo.

L'azienda sta aspettando la registrazione di 20 nuovi prodotti nel Paese e spera di entrare presto nel mercato portoghese. Ma parlando con Euronews Health, Sassano è rimasto cauto.

"Siamo un'azienda globale e man mano che i Paesi si sviluppano, noi ci inseriamo. Stiamo ancora aspettando il Portogallo, ma è ancora un mercato molto piccolo rispetto ai mercati più grandi come l'Australia e la Germania", ha detto, aggiungendo che "è abbastanza triste che l'accesso non sia ancora disponibile per i pazienti medici, ma credo che la situazione migliorerà".

PUBBLICITÀ

Lo stigma della cannabis

Una persona che spera che ciò accada è la dottoressa Ana Rita Andrade. La sera dopo il lavoro, nella sua casa a sud di Porto, dà consulenze online sulla cannabis medica.

La dottoressa è uno dei pochi medici del Paese ad avere conoscenze mediche sulla cannabis. Ha fondato la Kanabclinic nel 2019 e consiglia fino a cinquecento pazienti, spesso indirizzati a lei da colleghi.

"Il problema in Portogallo è che i medici non sanno nulla dei cannabinoidi. È ancora molto nuovo per loro", ha detto Andrade, parlando dei composti presenti nella pianta di cannabis.

Secondo l'esperta, i prodotti disponibili non sono adatti alla maggior parte delle esigenze, un pensiero a cui fa eco Carla Dias, presidente dell'Osservatorio portoghese per la cannabis.

"La prima ragione dello scarso uso di cannabis in Portogallo è che i medici non hanno troppi farmaci da prescrivere. La seconda è che non sono disponibili diverse composizioni o metodi di somministrazione, e la terza ragione potrebbe essere lo stereotipo legato alla cannabis", ha detto.

PUBBLICITÀ

Quando Euronews Health l'ha incontrata, Dias era impegnata nell'organizzazione della terza edizione della Conferenza Nazionale sulla Cannabis Medicinale, invitando farmacisti, medici, aziende farmaceutiche e studenti alla facoltà di medicina dell'Università di Coimbra.

Tre nuovi prodotti - un altro fiore e due oli - hanno recentemente ricevuto il via libera per essere commercializzati nel Paese, facendo sperare a Dias che la cannabis terapeutica si diffonda in Portogallo, a cinque anni dalla legalizzazione.

Il leader della cannabis nell'Ue

Il Portogallo è attualmente il secondo produttore di cannabis nell'Ue. Ogni anno, l'International Narcotics Control Board (INCB) compila la produzione prevista di sostanze controllate destinate a scopi medici e scientifici per Paese.

Nel 2024, le autorità portoghesi dichiareranno 34 tonnellate di cannabis terapeutica, poco meno della Spagna e delle sue 36 tonnellate.

Luis Meirinhos Soares ha lavorato per oltre 25 anni presso il regolatore medico del governo e ora è consulente di Cannavigia, un software di conformità per la trasparenza della cannabis.

PUBBLICITÀ

Ritiene che la normativa portoghese si concentri giustamente sulla sicurezza e sulla qualità, ma deplora la mancanza di accesso.

"Lo scopo della legge sulla cannabis terapeutica era quello di consentire ai pazienti bisognosi di accedere al farmaco. Ma il quadro attuale non è in grado di farlo", ha dichiarato a Euronews Health.

Secondo l'esperto, il Portogallo potrebbe seguire i passi di altri Paesi europei come la Germania, dove le farmacie possono vendere "formulazioni magistrali" o fiori ed estratti preparati su misura in base a prescrizioni mediche.

Un'altra difficoltà nell'Ue è la mancanza di "riconoscimento reciproco" per la cannabis terapeutica. Mentre la medicina "tradizionale" può essere venduta in altri Paesi se è approvata in uno di essi, le piante di cannabis non sono incluse in questa procedura.

A febbraio, la Commissione Europea ha registrato un'iniziativa cittadina che chiede un migliore accesso alla cannabis medica.

PUBBLICITÀ

"Favorire l'accesso alla cannabis terapeutica sulla base delle prove scientifiche e delle esperienze dei pazienti, e consentire ai pazienti il trasporto della cannabis (...) in tutta l'Ue, per garantire il pieno godimento del diritto alla salute", si legge nell'iniziativa, che chiede anche la legalizzazione dell'uso ricreativo - un punto rifiutato dall'Ue.

Se la petizione riceverà almeno un milione di firme in almeno sette Stati membri entro sei mesi dal lancio, la Commissione prenderà in considerazione una legislazione per un migliore accesso alla cannabis terapeutica in Europa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gran Bretagna: inchiesta scandalo sangue infetto "insabbiato dalle autorità", le scuse di Sunak

Regno Unito, sì del Parlamento al divieto di fumo ai nati dopo il 2009

Germania: approvata la legge che semplifica il cambio di nome per persone trans e non binarie