EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

La diffusione di droghe in Ue è in aumento. Uno studio mette in guardia sui rischi per la salute

L'Agenzia europea per le droghe avverte di modelli preoccupanti nel consumo di droghe in tutto il blocco.
L'Agenzia europea per le droghe avverte di modelli preoccupanti nel consumo di droghe in tutto il blocco. Diritti d'autore Fernando Vergara/Copyright 2017 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Fernando Vergara/Copyright 2017 The AP. All rights reserved.
Di Marta Iraola Iribarren
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

L'Agenzia europea per le droghe mette in guardia sulla crescente diffusione di droghe in tutta l'Unione europea, con maggiori rischi per la salute pubblica

PUBBLICITÀ

La situazione delle droghe in Europa è meglio descritta con le parole "ovunque, tutto, tutti", ha avvertito un'agenzia di monitoraggio delle droghe in un rapporto che segnala la crescente disponibilità di stupefacenti e modelli di commercializzazione sempre più complessi.

L'impatto dell'uso di droghe illegali è ora visibile quasi ovunque nella società e "non abbiamo mai avuto così tante droghe disponibili o prodotte sul territorio dell'Unione euorpa", ha affermato Alexis Goosdeel, direttore dell'Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (Oedt).

La relazione afferma che 22 milioni di persone hanno fatto uso di cannabis, 4 milioni hanno consumato cocaina e quasi 3 milioni hanno assunto MDMA nell'ultimo anno nell'Ue.

Secondo lo studio del 2024, 85,4 milioni di persone hanno dichiarato di aver fatto uso di cannabis in qualche momento della loro vita, mentre nel rapporto 2022 il totale era di 78,6 milioni. Il numero di chi ha fatto uso almeno una volta di cocaina è passato da 14,4 milioni nel 2022 a 15,4 milioni, e la cifra per l'MDMA - tipicamente chiamata ecstasy - è balzata da 10,6 milioni a 12,3 milioni.

L'agenzia per le droghe ha dichiarato che quasi tutti i prodotti di consumo con proprietà psicoattive possono essere utilizzati e commercializzati come droghe, spesso etichettati in modo errato o in forma di composti. Questo porta a una diffusa ignoranza da parte dei consumatori sulla natura delle droghe consumate, aumentando notevolmente i rischi per la salute.

Il direttore dell'Oedt ha messo in guardia sulla diffusione di molte nuove sostanze che "nessuno avrebbe immaginerebbe che potessero essere utilizzate da esseri umani", come i prodotti di medicina veterinaria.

L'agenzia ha rilevato che il mercato dei farmaci dell'Ue è ora caratterizzato da una gamma più ampia di sostanze, spesso disponibili ad alta potenza o purezza o in nuove forme, miscele o combinazioni. Ciò può avere serie implicazioni per la salute pubblica, poiché le conoscenze scientifiche e dei consumatori sono ancora limitate.

Alla fine del 2023, l'Oedt ha monitorato oltre 950 nuove sostanze psicoattive, 26 delle quali sono state segnalate per la prima volta in Europa nello stesso anno.

L'elevata disponibilità di sostanze diverse, spesso mescolate tra loro, porta al "policonsumo", ovvero l'uso di due o più sostanze psicoattive contemporaneamente o in sequenza.

Sebbene il policonsumo sia una pratica comune tra i consumatori di droghe, consapevolmente o meno, la combinazione di sostanze aumenta il rischio di problemi di salute e complica i rimedi medici.

Rischi aggiuntivi dovuti all'iniezione

L'agenzia mette, inoltre, in guardia sui possibili rischi legati alle iniezioni. Le persone usano droghe in questo modo sono spesso esposte a rischi maggiori, come contrarre infezioni trasmesse per via ematica o morire per overdose, rispetto a coloro che fanno uso di stupefacenti in altri modi.

L'iniezione può anche aumentare i problemi di salute già esistenti o causare ascessi, setticemia e danni ai nervi. Sebbene questo tipo di consumo sia in calo in Europa, rappresenta ancora una quota sproporzionata dei danni acuti e cronici alla salute derivanti dal consumo di droga.

Le persone che si iniettano droghe sono a rischio di contrarre infezioni come l'epatite virale B e C e l'HIV attraverso la condivisione di siringhe e altri strumenti per il consumo.

L'agenzia ha richiesto una maggiore disponibilità di attrezzature sterili per l'iniezione e la garanzia di una risposta efficace e completa per le persone che si iniettano droghe in tutta l'Ue.

"In questo caso, l'accento va posto sul lavoro non giudicante con le persone che fanno uso di droghe", ha dichiarato.

L'Agenzia per le droghe ha sottolineato che l'onere sulla salute pubblica associato all'uso di droghe può essere causato da molti fattori, come le proprietà della sostanza stessa, ma anche da fattori collaterali come la vulnerabilità individuale e il contesto sociale del consumo di droga.

Secondo i dati dell'Ue, 87 milioni di adulti hanno fatto uso di droghe illegali almeno una volta nella vita.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Dopo le elezioni Ue servono urgenti finanziamenti europei per l'aborto, secondo gli attivisti

Droga: aumenta l'offerta, sempre più difficile la lotta dell'Ue contro il narcotraffico

"La droga è dappertutto": l'allarme dell'Osservatorio europeo