EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Il settore tecnologico israeliano è in stato di guerra: il personale viene richiamato come riservista e gli investitori si preparano al conflitto

 Una parte della facciata dell'"edificio intelligente" del produttore di chip statunitense Intel Corp è visibile a Petah Tikva, vicino a Tel Aviv, in Israele.
Una parte della facciata dell'"edificio intelligente" del produttore di chip statunitense Intel Corp è visibile a Petah Tikva, vicino a Tel Aviv, in Israele. Diritti d'autore Amir Cohen/Reuters
Diritti d'autore Amir Cohen/Reuters
Di Reuters
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Israele vanta il più grande ecosistema tecnologico al mondo secondo solo a quello della Silicon Valley. Il settore tech rappresenta un quinto del PIL del paese. Ora la guerra rappresenta una grave minaccia

PUBBLICITÀ

Le aziende tecnologiche che operano in Israele dovrebbero rafforzare la propria sicurezza perché potrebbero subire interruzioni, hanno dichiarato investitori e analisti. Intanto l'esercito israeliano è in uno stato di guerra che potrebbe portare a un'invasione su larga scala della Striscia di Gaza.

Gli uomini armati di Hamas provenienti da Gaza hanno ucciso centinaia di israeliani e hanno ne rapiti un numero ancora non chiaro di persone, riaccendendo il conflitto nella regione.

L'industria high-tech è stata per alcuni decenni il settore con il tasso di crescita più rapido in Israele. È stata cruciale per la crescita economica, rappresentando il 14% dei posti di lavoro e quasi un quinto del PIL.

I prezzi delle azioni e delle obbligazioni israeliane sono crollati lunedì dopo che alcuni uomini armati del gruppo palestinese Hamas sabato si sono fatti avanti con forza nelle città israeliane.

I militanti hanno anche lanciato migliaia di razzi in Israele in un attacco a sorpresa. Alcuni razzi hanno raggiunto Tel Aviv inducendo le compagnie aeree a sospendere i voli da e per il Paese.

Israele ha risposto con attacchi aerei su obiettivi di Hamas a Gaza uccidendo centinaia di persone.

"Si tratta di un'enorme interruzione dell'attività ordinaria", ha dichiarato Jack Ablin, responsabile degli investimenti e socio fondatore di Cresset Wealth Advisors. Secondo Ablin nel breve termine le risorse utilizzate nel settore potrebbero essere dirottate altrove se il conflitto si espande. Ad esempio il personale delle aziende tecnologiche potrebbe essere richiamato come riservista militare.

Personale del settore tecnologico richiamato come riservista

Israele ha già dichiarato che richiamerà 300 mila riservisti - un numero mai visto prima -  molti dei quali potrebbero provenire da aziende tecnologiche con sede negli Stati Uniti.

"Ci stiamo preparando da un po' di tempo", ha dichiarato Noam Schwartz, fondatore e amministratore delegato di origine israeliana di ActiveFence, un'azienda tecnologica specializzata in minacce online con sedi a New York e Tel Aviv.

"Quando un paese viene colto letteralmente alla sprovvista, la prima cosa a cui si guarda – oltre agli ovvi problemi con l’intelligence – è ciò che è mancato nei sistemi di sicurezza
Quincy Krosby
LPL Financial

La sua azienda continuerà a servire i clienti durante il conflitto, ha detto, anche se prevede di tornare in Israele per la leva militare.

"Abbiamo abbastanza persone in tutto il mondo per assicurarci che tutti sia sotto controllo".

Quincy Krosby, capo della strategia globale di LPL Financial a Charlotte, North Carolina, ha dichiarato che probabilmente si farà un "grosso sforzo" per proteggere dagli attacchi le installazioni fisiche delle aziende con sede in Israele, perché alcune delle spese tecnologiche sono legate all'esercito.

I titoli tecnologici statunitensi sono in gran parte in calo compresi quelli che hanno grandi attività in Israele.

Un portavoce del produttore di chip Intel, l'esportatore e azienda israeliana che impiega più personale, ha dichiarato che il gruppo "sta monitorando attentamente la situazione in Israele e sta prendendo provvedimenti per salvaguardare e sostenere i nostri lavoratori".

Il portavoce ha rifiutato di dire se la produzione di chip sia stata influenzata dalla crisi. Le azioni di Intel sono scese dello 0,5% lunedì.

Nvidia, il più grande produttore al mondo di chip utilizzati per l'intelligenza artificiale e la grafica computerizzata, ha detto di aver annullato un summit sull'intelligenza artificiale in programma a Tel Aviv la prossima settimana dove avrebbe dovuto intervenire il suo CEO Jensen Huang.

L'azienda israeliana Tower Semiconductor, che fornisce semiconduttori analogici e a segnale misto principalmente per l'industria automobilistica e dei beni di consumo ha dichiarato di operare come di consueto. Le sue azioni quotate a New York sono scese del 4,9%.

Altri giganti della tecnologia come Meta Platforms, Alphabet e Apple non hanno risposto alle nostre richieste. Microsoft si è rifiutata di commentare.

PUBBLICITÀ

Il settore tecnologico israeliano aveva già affrontato un rallentamento nel 2023, esacerbato da conflitti politici interni e proteste. Un numero crescente di start-up tech israeliane è stato incorporato in aziende negli Stati Uniti.

Il settore dell'intelligenza artificiale è sostenuto dalle spese militari

Il settore tecnologico israeliano risale al 1974, quando Intel si è stabilito nel Paese, ma la scena delle start-up è decollata negli anni '90, facendo guadagnare a Israele la reputazione di secondo centro tecnologico al mondo al di fuori della Silicon Valley, con migliaia di aziende e con lo sviluppo di un ecosistema significativo.

Oggi sono 500 le multinazionali che operano in Israele - principalmente sono centri di ricerca e sviluppo dopo aver acquistato start-up israeliane - da Intel a IBM, Apple, Microsoft, Google e Facebook.

A giugno il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato che Intel intendeva spendere 25 miliardi di dollari (23,6 miliardi di euro) per un nuovo stabilimento nella città meridionale di Kiryat Gat, a circa 42 km da Gaza.

L'apertura, prevista per il 2027, è stata definita dal premier israeliano il più grande investimento internazionale mai effettuato nel Paese, che potrebbe dare lavoro a migliaia di persone e che si aggiungerebbe agli impianti di chip e ai centri di progettazione già presenti sul territorio.

PUBBLICITÀ

A più lungo termine il settore tecnologico, in cui Israele è stato leader, potrebbe vedere un aumento degli investimenti a causa dello stretto legame di queste industrie con le spese militari, ha affermato Krosby di LPL.

"Probabilmente aumenteranno gli investimenti nell'intelligenza artificiale", ha aggiunto.

"Quando un Paese viene colto letteralmente alla sprovvista, la prima cosa che si guarda - oltre agli ovvi problemi di intelligence - è cosa è mancato ai sistemi di sicurezza".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Dagli scienziati la "prova" che essere vegetariani potrebbe essere scritto nei geni

Un modello di intelligenza artificiale potrebbe migliorare l'asportazione del tumore al seno

YouTube e X non hanno contrastato le fake news prima delle elezioni europee