Elezioni in Estonia: l'i-voting diventa maggiorenne nella "Repubblica più digitale" del mondo

Un selfie dopo il voto, nel seggio dell'Università di Tallin. (5.3.2023)
Un selfie dopo il voto, nel seggio dell'Università di Tallin. (5.3.2023) Diritti d'autore AFP
Di David Mac Dougall - Edizione italiana: Cristiano Tassinari
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Altro che voto per corrispondenza: in Estonia basta un click. E lo fanno da ormai 18 anni... Altri Paesi hanno cercato di introdurre le proprie versioni del voto su Internet, come in Canada e in Svizzera, ma con scarso successo

PUBBLICITÀ

Per la prima volta da quando è stato introdotto il voto su Internet in Estonia, nelle elezioni generali del 5 marzo scorso sono stati espressi più voti digitali rispetto alle schede cartacee.

Il Paese baltico ha introdotto l'i-voting nel 2005 come parte di un progetto di sviluppo dell'e-government e dei servizi digitali a tutti i livelli della società, il che significa che da allora i residenti possono aprire un conto bancario, firmare documenti, presentare le tasse e molte altre cose direttamente su Internet.

L'unico servizio limitato è la richiesta di divorzio...

L'alto livello di partecipazione alle elezioni riflettono la fiducia che il pubblico estone ha nell'integrità del voto su

"Tutte le nostre elezioni - elezioni locali, parlamentari nazionali ed europee - , hanno componenti di voto digitali, e ora che i voti digitali hanno superato i voti tradizionali, questo la dice lunga sulla nostra fiducia", ha spiegato, entusiasta, Erika Piirmets, consulente per la trasformazione digitale di "e-Estonia".

"Abbiamo partiti politici che sono contrari all'i-voting e stiamo discutendo proprio di questo in Estonia. Dobbiamo essere consapevoli delle preoccupazioni, condividere più informazioni ed essere ancora più trasparenti, per mostrare quanto sia sicuro il sistema", ha detto a Euronews Next.

Altri Paesi hanno cercato di introdurre le proprie versioni del voto su Internet, come in Canada e in Svizzera, ma con scarso successo.
Erika Piirmets ritiene che l'Estonia abbia avuto un successo straordinario grazie ai solidi sistemi di identità elettronica che tutti utilizzano, che è uno degli elementi costitutivi dell'i-voting.

Come si vota su Internet in Estonia?

La votazione tramite Internet in Estonia può essere effettuata da un computer, con elettori regolarmente registrati nelle liste elettorali che utilizzano la carta d'identità e un lettore di carte, nonché codici PIN per la sicurezza.

Gli elettori devono prima scaricare un'applicazione di voto, quindi inserire la loro carta d'identità nel lettore e verificare la loro idoneità al voto e al distretto.

Una volta effettuato l'accesso, visualizzano un elenco di candidati e selezionano quello preferito. Devono inserire un codice PIN per verificare il voto con la loro firma digitale: e questo è tutto!

Una volta che gli elettori hanno votato (lo si fa prima del giorno delle elezioni), possono sempre cambiare idea votando di persona il giorno delle elezioni, con una scheda cartacea fisica che annulla il precedente i-vote.

Perché l'i-voting è stato così popolare in Estonia?

Uno dei motivi forse per cui l'i-voting è stato così popolare e di successo in Estonia è perché ha introdotto i sistemi digitali in un momento in cui si pensava meno alla sicurezza e all'integrità dei sistemi stesso.
Quindi, nel corso degli anni, senza un solo caso comprovato di frode di i-voter, gli elettori estoni si sono abituati molto bene...

"Abbiamo implementato i servizi così in anticipo rispetto ai tempi che le persone non erano probabilmente a conoscenza dei problemi di sicurezza che ne sarebbero derivati", spiega Erika Piirmets.

"In questo momento, se ci trovassimo nella stessa situazione e provassimo a rendere disponibile il voto elettronico, penso che ci sarebbe più resistenza, perché le persone sono più consapevoli ora che questi sistemi potrebbero essere vulnerabili agli attacchi hacker, ad esempio", aggiunto la consulente di "e-Estonia".

Un divario digitale naturale

Chi usa l'i-voting e chi no? Esiste un divario digitale in Estonia, in termini di età o lingua madre?

"e-Estonia" afferma che c'è ancora sicuramente un divario sia con l'i-voting che con il servizio digitale in generale, ma non esiste alcuno "modello" evidente sul fatto che le persone anziane, ad esempio, evitino la tecnologia.

"Le persone hanno le loro preferenze personali, su come vogliono utilizzare il servizio digitale, e non possiamo quindi tracciare un solo profilo-identikit di chi è un elettore. E' davvero impossible", spiega Erika Piirmets.

Le autorità estoni, tuttavia, non hanno ancora comunicato informazioni su eventuali tentativi di attacco al sistema di voto avvenuti durante le elezioni 2023.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Forse una svolta per Assange: Biden apre alla possibilità di far cadere le accuse

Cos'è il passaporto digitale dei prodotti dell'Ue?

Al Cern un nuovo strumento per darci risposte sull'origine dell'universo