EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Elezioni Ue: come si sta preparando l'Europa a possibili campagne di disinformazione?

Una gigantesca tela che promuove le elezioni europee è stata vista al Parlamento europeo giovedì 11 aprile 2024 a Strasburgo, nella Francia orientale.
Una gigantesca tela che promuove le elezioni europee è stata vista al Parlamento europeo giovedì 11 aprile 2024 a Strasburgo, nella Francia orientale. Diritti d'autore Jean-Francois Badias/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Jean-Francois Badias/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Oceane Duboust
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Ecco alcuni degli sforzi messo in atto per contrastare la disinformazione: a cosa dovrebbero prestare attenzione gli elettori prima del voto di giugno?

PUBBLICITÀ

In vista delle elezioni europee di giugno crescono le preoccupazioni legate ai contenuti generati dalla disinformazione e dall'intelligenza artificiale (IA). La Commissione europea ha pubblicato a marzo un elenco di raccomandazioni per le piattaforme digitali con oltre 45 milioni di utenti residenti nell'Ue al mese "per mitigare i rischi sistemici online che possono influire sull'integrità delle elezioni".

Molte piattaforme si sono impegnate a rispettare il Codice di condotta dell'Ue sulla disinformazione "per affrontare sia la disinformazione che la disinformazione in tutti i loro servizi", ha affermato un portavoce della Commissione.

Gli esperti che hanno studiato le precedenti elezioni nei paesi europei hanno notato che la disinformazione può assumere diverse forme e che le principali narrazioni riguardano il cambiamento climatico, l'immigrazione e il sostegno all'Ucraina.

"Considerando la natura molto specifica delle elezioni europee, pensiamo che nella maggior parte dei casi la situazione varierà a seconda del Paese - ha detto a Euronews Next Tommaso Canetta, vicedirettore del fact-checking dell'European Digital Media Observatory (Edmo) -. Quindi prevediamo che le principali narrazioni sulla disinformazione avranno sfumature molto nazionali e locali".

Roberta Schmid, caporedattrice per la Germania e l'Austria di NewsGuard, azienda statunitense che valuta i siti di notizie, concorda sul fatto che è probabile che vengano diffuse false affermazioni riguardanti i rifugiati ucraini e le politiche sui cambiamenti climatici.

Schmid ha anche notato che "molte delle false affermazioni sono personali, il che significa che molte riguardano politici specifici". I fact-checker esaminano "il livello di rischio" ma anche "quanto il livello di diffusione delle false informazioni" per scegliere quelle da smascherare.

Gli audio deepfake creati dall'IA sono la preoccupazione principale

Schmid sottolinea che l'intelligenza artifciale rappresenta un rischio aggiuntivo: "I deepfake sono in circolazione da parecchio tempo ormai. La grande differenza è che stanno migliorando sempre di più. E soprattutto ora ci sono i deepfake vocali che sono davvero convincenti".

Canetta aggiunge che, anche se l'intelligenza artificiale generativa ha fatto un salto tecnico negli ultimi mesi, le immagini e i video generati non sono ancora sufficienti per offrire risultati del tutto realistici. L'audio generato dall'intelligenza artificiale invece può passare per reale a causa della mancanza di indizi visivi. "È un problema per l'utente medio rilevare l'origine artificiale del contenuto", ha affermato Canetta.

Durante le elezioni slovacche del 2023 Michal Šimečka, leader del partito progressista, è stato vittima di una campagna di disinformazione basata su una falsa registrazione in cui parlava di brogli elettorali con un giornalista. 

"Per smascherare questo tipo di contenuti ci vuole tempo. Quindi può essere potenzialmente dannoso per le elezioni", ha aggiunto Canetta. La maggior parte dei partiti politici europei ha firmato un codice di condotta per le elezioni impegnandosi ad "astenersi dal produrre, utilizzare o diffondere contenuti fuorvianti".

In base al Codice di condotta sulla disinformazione i firmatari si impegnano ad affrontare questioni come i "deep fake dannosi", anche se attualmente non esiste un sistema infallibile per rilevarli.

Gli esperti hanno anche avvertito che gli utenti non dovrebbero fidarsi dei chatbot IA, che possono comunicare informazioni false in modo molto realistico. Uno dei fenomeni alimentati dall'intelligenza artificiale che desta crescente preoccupazione è la creazione di deepfake pornografici usati come armi contro le candidate donne. Tra le vittime c'è anche la premier italiana Giorgia Meloni, che ha chiesto 100.000 euro di risarcimento danni.

Una serie di strumenti per combattere la disinformazione sulle piattaforme social

La Commissione europea ha organizzato uno "stress test" il 24 aprile, invitando tutte le piattaforme e i motori di ricerca di dimensioni molto grandi. "I partecipanti elaboreranno scenari in cui potrebbero essere utilizzati più strumenti e meccanismi per affrontare gli incidenti, come una campagna di disinformazione che mira a minare le elezioni - ha detto un portavoce a Euronews Next -. L'esercizio servirà a consentire a tutti i partecipanti di spiegare i loro piani, procedure e politiche".

Diverse piattaforme di social media hanno adottato varie misure per aumentare il monitoraggio della disinformazione. TikTok, di proprietà della società cinese Bytedance, ha istituito un centro elettorale online dell'Ue, sottolineando che il 30% degli eurodeputati è presente sulla piattaforma.

"Collaboriamo con 15 organizzazioni di verifica dei fatti in tutto il mondo che supportano più di 40 lingue", ha detto la società a Euronews Next, aggiungendo che i video con "contenuti non verificati" sono stati segnalati agli utenti e non compaiono nel feed "For You».

Settimane dopo l'annuncio di TikTok, anche Meta ha annunciato la creazione di un proprio centro operativo per le elezioni "per identificare potenziali minacce e prendere contromisure in tempo reale". La società madre di Facebook ha dichiarato che prevede di iniziare a etichettare i contenuti generati dall'intelligenza artificiale a maggio 2024.

Secondo Reuters anche Google si sta preparando a lanciare una campagna contro la disinformazione in cinque paesi dell'Ue. La società ha inoltre iniziato a introdurre restrizioni sulle domande relative alle elezioni poste al suo chatbot Gemini AI. X, l'ex Twitter, non ha fatto annunci relativi alle elezioni.

Le aziende rischiano multe fino al 6% del loro fatturato globale annuo se non rispettano il Digital Services Act, che prevede la creazione di piattaforme per contrastare le manipolazioni elettorali.

PUBBLICITÀ

Gli esperti invitano gli elettori ad essere cauti: secondo Schmid è importante controllare la fonte delle informazioni condivise, soprattutto perché è possibile creare siti web con grafiche simili o quasi identiche a quelle di media molto noti e ritenuti affidabili.

"Pensate prima di condividere, guardate la fonte dei contenuti che state per condividere, guardate cosa dicono le altre fonti - dice Canetta -. I media tradizionali, anche se a volte diffondono disinformazione, sono comunque la fonte di informazioni più affidabile. Nutrite un sano scetticismo senza cadere nella trappola di non credere a nulla di ciò che leggete o vedete. Dovrebbe esserci una giusta via di mezzo".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni Ue, attenti alle fake news dell'intelligenza artificiale: ChatGPT, Gemini e Copilot fanno disinformazione secondo uno studio sui chatbot di AI

Covid, il 40% degli europei approva la gestione della pandemia da parte dell'Ue

Facebook e Instagram creano dipendenza nei minori? Nuove indagini della Commissione europea