Quali Paesi in Europa hanno i costi di assistenza all'infanzia più alti e più bassi?

      Canva
Canva Diritti d'autore Canva
Di Laiba Mubashar
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Storie comuni nel Regno Unito, che ha alcuni dei costi di assistenza all'infanzia più alti in Europa

PUBBLICITÀ

Sarah Ronan una volta ha dovuto dimettersi dal lavoro perché non poteva permettersi l'assistenza all'infanzia.

Lungi dall'essere un raro esempio, questa è una storia sin troppo familiare nel Regno Unito, che ha alcuni dei costi di assistenza all'infanzia più alti in Europa, e dove le donne sono attivamente scoraggiate dal tornare al lavoro dopo aver messo su famiglia, a causa delle esorbitanti spese.

“Come molti genitori, ho dovuto mettere insieme il classico puzzle dell'assistenza all'infanzia per far funzionare tutto - dice Sarah, responsabile del progetto per la Early Education and Childcare Coalition presso il Women's Budget Group - mio figlio era con due nonni due giorni alla settimana e con gli altri due un giorno alla settimana. 

Stava all'asilo solo due giorni alla settimana: poi, la situazione con i nonni è cambiata a causa della cattiva salute: dovevo portarlo all'asilo cinque giorni alla settimana. 

Il costo era di £ 1200 (€ 1356) al mese: al netto delle tasse, guadagnavo circa 1700 sterline (1921 euro) al mese", racconta a Euronews.

L'ultimo sondaggio condotto da Pregnant Then Screwed rileva che l'assistenza all'infanzia nel Regno Unito può assorbire sino al 75% del reddito dei genitori.

Nel 2022, il Regno Unito è diventato il Paese più costoso per l'assistenza all'infanzia in tutto il mondo sviluppato, spingendo migliaia di persone a protestare nelle città di tutto il Paese, lo scorso ottobre.

"Sinora il governo non ha fatto nulla per il costo dell'inflazione nel Regno Unito, sembra che i costi dell'assistenza all'infanzia aumenteranno di almeno un altro 10% ad aprile", afferma Joeli Brearley, fondatrice di Pregnant Then Screwed.

"In media, costa 14.000 sterline all'anno un posto di assistenza all'infanzia e prevediamo che aumenti di 1.000 sterline all'anno", dice a Euronews Next.

Un genitore su tre che ha partecipato al sondaggio ha rivelato di fare già affidamento su una qualche forma di debito per coprire i costi dell'assistenza all'infanzia.

Con la crisi del costo della vita in corso, che ha già reso i beni di prima necessità come il cibo inaccessibili nel Regno Unito, l'alto costo dell'assistenza all'infanzia sta esacerbando le disuguaglianze socio-economiche e ha un impatto sproporzionato sulle donne, costringendole a ridurre il loro numero di ore o a lasciare la forza lavoro del tutto.

E secondo il Center for Progressive Policy, circa 1,7 milioni di donne nel Regno Unito lavorano meno ore di quanto potrebbero, a causa di un'assistenza all'infanzia insostenibile.

Come si confrontano i costi dell'assistenza all'infanzia in tutta Europa?

In tutti i Paesi dell'Ue, sino al 90% dei bambini dai tre ai cinque anni e un terzo dei bambini di età inferiore ai tre anni frequenta asili nido. 

Tuttavia, i costi dell'assistenza all'infanzia variano notevolmente in tutto il continente.

I costi per l'assistenza all'infanzia vanno da meno del 5% in Germania e Austria, dove i genitori che vivono nelle capitali beneficiano addirittura di servizi pubblici gratuiti per l'infanzia, a quasi il 52% del reddito femminile medio nel Regno Unito, secondo i dati dell'OCSE.

Nella maggior parte dei Paesi europei, i genitori possono beneficiare di un'assistenza all'infanzia altamente sovvenzionata che riduce l'onere finanziario per i genitori.

Nei Paesi Bassi, ad esempio, dove il mercato è dominato da fornitori privati, il costo potrebbe raggiungere l'80% del reddito femminile medio.

Tuttavia, dopo che i sussidi per l'assistenza all'infanzia sono stati forniti dal governo, i genitori a basso reddito nei Paesi Bassi finiscono per pagare solo il 5%. 

PUBBLICITÀ

In effetti, il governo olandese sta pianificando un programma che coprirebbe il 95% delle spese per l'assistenza all'infanzia per tutti i genitori che lavorano, entro il 2025.

Regno Unito all'estremo

Justin Tallis/WPA Rota
Princess of Wales visits Foxcubs Nursery in Luton, England, Wednesday, 18 Jan 2023, as part of her work to elevate the importance e of early childhood to lifelong outcomes.Justin Tallis/WPA Rota

Nel Regno Unito, tuttavia, non è così, nonostante il governo abbia investito ogni anno 4 miliardi di sterline (4,52 miliardi di euro) nell'assistenza all'infanzia negli ultimi cinque anni, attraverso otto diversi regimi di sostegno.

"I tipi di sostegno disponibili non soddisfano più i bisogni delle famiglie", ribadisce Sarah Ronan.

Ciò potrebbe in parte spiegare perché circa un milione di famiglie ammissibili nel Regno Unito non hanno usufruito del diritto all'assistenza all'infanzia esentasse, che paga 2.000 sterline (2.260 euro) all'anno.

"Il governo è molto bravo a parlare di questi benefici, l'effettiva amministrazione di essi e la loro accessibilità è terribile", afferma Joeli Brearley di Pregnant then Screwed.

PUBBLICITÀ

Le famiglie svantaggiate nel Regno Unito possono anche richiedere l'Universal Credit Childcare, che paga fino all'85% delle spese per l'assistenza all'infanzia per le famiglie a basso reddito che guadagnano £ 16.000 (€ 18.080) o meno all'anno, ma il denaro viene rimborsato in via posticipata.

"Se non hai i soldi, tanto per cominciare, dove puoi trovarli? Non è come se fossero sotto al materasso!" - dice ancora Ronan - e a causa di questo si finisce in una situazione in cui hai solo il 13% delle persone che accettano quell'offerta di sostegno, e di quel 13% circa l'81% sono madri single".

Germania, Kita non è rose e fiori

Franka Bruns/AP
FILE: Former German Family Minister Ursula von der Leyen, prepares a healthy meal at Firlefanz day-care center Berlin, February 2008.Franka Bruns/AP

All'estremo opposto ci sono Paesi come la Germania, dove il costo medio annuo dell'assistenza all'infanzia è di soli 1.310 euro.

Dal 2013, i bambini di età superiore ai 12 mesi hanno diritto a un posto negli asili nido chiamati Kitas attraverso il comune locale: i kitas in genere fanno pagare da € 70 a € 150 al mese, ma il costo viene poi sovvenzionato dallo Stato.

Clara Gruitrooy, donna d'affari e madre di due figli, afferma di sentirsi fortunata perché prima viveva ad Amburgo, ma ora vive a Berlino, dove l'assistenza all'infanzia è gratuita.

PUBBLICITÀ

Gruitrooy è a capo della filiale berlinese di Working Moms, un'associazione tedesca in cui madri che la pensano allo stesso modo in posizioni di leadership possono offrirsi supporto reciproco su come bilanciare la maternità con il lavoro.

"Se non avessi potuto permettermi l'assistenza all'infanzia, non so come avrei potuto arrivare dove sono oggi", dice a Euronews Next.

Tuttavia, sebbene il modello di assistenza all'infanzia in Germania sia invidiabile per Paesi come il Regno Unito, è tutt'altro che perfetto.

In molti posti in Germania, i Kitas sono a corto di personale con lunghe file di attesa, soprattutto per i bambini sotto i tre anni. 

In un sondaggio condotto dal German Youth Institute nel 2020, il 49% dei genitori con bambini sotto i tre anni ha riferito di aver bisogno di un Kita, ma solo il 24% è stato in grado di assicurarsi il numero di ore di cui aveva bisogno.

PUBBLICITÀ

"In Germania, non è una questione di prezzo, per fortuna, ma è anche una questione di trovare un posto", dice Gruitrooy, che ha faticato a trovare un posto per le sue figlie prima che comparissero uno alla volta quando stava arrangiandosi diversamente.

Poiché la sua carriera imprenditoriale le ha permesso di lavorare da remoto, è riuscita a far funzionare le cose sino a quando non ha potuto collocare le sue figlie in un Kita.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'infanzia rubata ai bambini ucraini

Come funziona la garanzia europea per l'infanzia?

Gender pay gap: cosa fanno i Paesi europei per ridurre il divario retributivo di genere?