EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Il telelavoro rappresenta una grande difesa contro la pandemia, ma anche un rischio

Images
Images Diritti d'autore AFP
Diritti d'autore AFP
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Commissione propone un'identità digitale europea, gli stati membri vanno per conto loro e il telelavoro, o home working, oltre a difendere dalla pandemia rappresenta anche dei rischi. Ecco quali.

PUBBLICITÀ

In Germania il ricorso al telelavoro ha contribuito a rallentare la curva dei contagi, in Portogallo torna obbligatorio e in Francia il governo ha proposto di penalizzare le aziende che non lo garantiscono.

Il telelavoro è l'ultima e più efficace linea di difesa contro la diffusione delle pandemie? Probabilmente sì, ma questo ha dei costi.

Spiega François Esnol-Feugeas, esperto di sicurezza digitale e membro del consiglio di amministrazione di ACN:  "Abbiamo visto un aumento del 630% degli attacchi informatici in Francia nel corso del 2020, sui cloud pubblici e sui cloud aziendali, il che ha dimostrato che i malviventi stavano approfittando della nuova situazione".

Tuttavia, uno dei problemi principali è che non tutta l'Europa è coperta da Internet in modo uniforme. E non tutte le professioni possono contare sul lavoro a distanza. La Commissione può imporre misure standard in tutta Europa?

Dice Eric Mamer, portavoce della Commissione Europea: "Non esistono regole europee comuni o imposte sul telelavoro, come sapete, le misure di sicurezza sanitaria sono di competenza degli Stati membri".

L'Europa e il mondo si trovano di fronte a una situazione completamente nuova. La sicurezza dei dati dovrebbe essere sacrificata in nome della salute pubblica?

Continua François Esnol-Feugeas: "L'ultima sfida è l'identificazione del lavoratore da remoto. La capacità di controllare e riconoscere l'identità di chi accede ai sistemi informatici da remoto”.

La Commissione ha proposto un'identità digitale europea che dovrebbe essere disponibile per tutti i cittadini. Gli Stati membri offriranno ai connazionali e alle imprese portafogli digitali in grado di collegare le identità digitali nazionali con alcuni documenti personali come una patente di guida. Questi portafogli digitali saranno forniti da autorità pubbliche o da enti privati.

Tuttavia, c'è ancora molta strada da fare e resta da sperare che gli stati nazionali lo capiscano rapidamente.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Kupland, lo "Stato" dei telelavoratori

Hamas starebbe pianificando attacchi in Germania

La Russia rimuove le boe di confine sul fiume Narva, scontro con l'Estonia