Settimana di quattro giorni lavorativi: quali Paesi l'hanno adottata e come sta andando sinora?

Canva -
Canva -   -  Diritti d'autore  Canva
Di Josephine Joly e Luke Hurst

Le conversazioni sulla settimana lavorativa di quattro giorni sono state riaccese dalla pandemia di coronavirus, con lavoratori e datori di lavoro che ripensano all'importanza della flessibilità e dei benefici sul posto di lavoro

Le conversazioni sulla settimana lavorativa di quattro giorni sono state riaccese dalla pandemia di coronavirus, con lavoratori e datori di lavoro che ripensano all'importanza della flessibilità e dei benefici sul posto di lavoro.

L'idea è semplice: i dipendenti lavorerebbero quattro giorni alla settimana, ricevendo lo stesso stipendio e guadagnando gli stessi benefit, ma con lo stesso carico di lavoro.

Le aziende che riducono la loro settimana lavorativa opererebbero quindi con un minor numero di riunioni e un lavoro più indipendente.

Salutato come il futuro della produttività dei dipendenti e dell'equilibrio tra lavoro e vita privata, i sostenitori della settimana lavorativa di quattro giorni suggeriscono che, una volta implementata, la soddisfazione dei lavoratori aumenta, così come la produttività.

I sindacati di tutta Europa chiedono ai governi di implementare la settimana lavorativa di quattro giorni, ma quali Paesi hanno abbracciato l'idea e come sta andando sinora?

Il Belgio favorisce i dipendenti che lo desiderano

Nel febbraio dello scorso anno, i dipendenti belgi hanno ottenuto il diritto di svolgere un'intera settimana lavorativa in quattro giorni invece dei soliti cinque, senza perdita di stipendio.

Il disegno di legge è entrato in vigore il 21 novembre scorso, consentendo ai dipendenti di decidere se lavorare quattro o cinque giorni alla settimana.

Ma questo non significa che lavoreranno di meno: condenseranno semplicemente le loro ore lavorative in meno giorni.

Il primo ministro belga, Alexander de Croo, spera che il cambiamento contribuirà a rendere più flessibile il mercato del lavoro, notoriamente rigido in Belgio, e renderà più facile per le persone conciliare la vita familiare con la carriera.

Ha anche aggiunto che il nuovo modello dovrebbe creare un'economia più dinamica.

L'obiettivo è dare alle persone e alle aziende più libertà di organizzare il proprio orario di lavoro: se si confronta il nostro Paese con gli altri, spesso si vedrà che siamo molto meno dinamici
Alexander de Croo
premier belga

Solo circa 71 belgi su 100. nella fascia di età dai 20 ai 64 anni. hanno un lavoro, meno della media della zona Euro di circa 73 e ben 10 punti percentuali in meno rispetto a Paesi vicini come Paesi Bassi e Germania, secondo i dati Eurostat per il terzo trimestre del 2021.

L'accordo di coalizione federale a sette partiti del Paese ha fissato un obiettivo per un tasso di occupazione dell'80% entro il 2030, obiettivo che servirebbe a mantenere accessibili le pensioni legali o a finanziare futuri tagli fiscali.

Tuttavia, la prospettiva di una settimana lavorativa di quattro giorni non è allettante per tutti.

Alcuni dipendenti a tempo pieno lavoreranno effettivamente giornate molto lunghe se scelgono di ridurre le loro ore, e altri, come i turnisti, semplicemente non avranno la possibilità di tale flessibilità.

AFP
Belgium's prime minister Alexander De Croo.John Thys/AFP

Processo nel Regno Unito "estremamente riuscito"

Le aziende nel Regno Unito che hanno eseguito una prova di sei mesi della settimana lavorativa di quattro giorni stanno ora pianificando di rendere permanente la settimana lavorativa più breve, dopo aver salutato l'esperimento come "estremamente riuscito".

Decine di aziende sono state coinvolte nel programma pilota di sei mesi - il più grande nel suo genere - lanciato il 6 giugno scorso per studiare l'impatto della riduzione dell'orario di lavoro sulla produttività delle imprese e sul benessere dei lavoratori, nonché l'impatto sull'ambiente e la parità di genere.

Circa 61 aziende britanniche e più di 3.300 dipendenti si sono iscritti al programma, gestito da ricercatori delle università di Cambridge e Oxford e del Boston College, nonché dai gruppi di difesa (senza scopo di lucro) 4 Day Week Global, 4 Day Week UK Campaign e UK think tank Autonomia.

La grande maggioranza - circa il 92% - delle aziende che hanno preso parte alla sperimentazione ha deciso di mantenere la politica di quattro giorni settimanali dopo il periodo di prova, salutando il progetto pilota come un "importante passo avanti".

Nel processo, i dipendenti dovrebbero seguire il "modello 100:80:100", vale a dire il 100% della retribuzione per l'80% del tempo, in cambio dell'impegno a mantenere almeno il 100% di produttività.

Il progetto britannico è uno dei tanti in tutto il mondo gestiti da 4 Day Week Global, che sostiene una settimana lavorativa più breve.

"Programmi simili inizieranno negli Stati Uniti e in Irlanda, con altri previsti per Canada, Australia e Nuova Zelanda", ha affermato Joe Ryle, direttore della campagna britannica della settimana corta.

Scozia e Galles favorevoli al crescente movimento

In Scozia, un processo governativo dovrebbe iniziare nel 2023, mentre anche il Galles lo sta prendendo in considerazione.

La decisione è stata il culmine di una promessa elettorale fatta dallo Scottish National Party (SNP) al governo.

I lavoratori avranno il loro orario ridotto del 20%, ma non subiranno alcuna perdita di compenso.

Il SNP sosterrà le società partecipanti con circa 10 milioni di sterline (11,8 milioni di euro).

Il governo ha indicato un recente sondaggio condotto dal think tank scozzese, l'Institute for Public Policy Research (IPPR) in Scozia, secondo cui l'80% delle persone che hanno risposto erano molto favorevoli all'iniziativa.

Gli intervistati hanno affermato che il programma migliorerebbe notevolmente il loro benessere e lo stato emotivo.

La Scozia ha indicato l'Islanda e i suoi ottimi risultati come una grande ragione per correre il rischio con la settimana lavorativa di quattro giorni.

Alcune aziende scozzesi hanno già iniziato le proprie settimane lavorative "troncate": UPAC Group (con sede a Glasgow) ha recentemente affermato che i suoi dipendenti godranno di una settimana di quattro giorni con lo stesso stipendio, dopo aver gestito con successo un programma pilota.

In Galles, il 24 gennaio la commissione per le petizioni all'interno del Senedd (parlamento gallese) ha raccomandato al governo di condurre un programma pilota, a seguito della pubblicazione di un rapporto inerente.

Jack Sargeant, membro del Senedd e presidente del comitato, ha dichiarato al sito web Nation.Cymru che il Galles dovrebbe aprirsi all'esplorazione della settimana corta.

"È una proposta audace, ma non più audace di quegli attivisti che hanno combattuto per una settimana di cinque giorni, ferie pagate e indennità di malattia che ora diamo per scontate - ha detto - quando chiediamo una settimana di quattro giorni stiamo parlando di ridurre l'orario di lavoro all'interno di un'organizzazione, ma non una riduzione della tariffa salariale. 

Ci sono una serie di prove là fuori che suggeriscono che la produttività aumenta".

Spetta ora al governo gallese prendere in considerazione la proposta: Sophie Howe, commissario per le generazioni future, ha anche invitato il governo a introdurre una settimana lavorativa simile di quattro giorni, almeno nel settore pubblico.

Canva
One of the purported benefits of the four-day week is to have a better work-life balance.Canva

La Spagna avvia una fase sperimentale

Dopo che il partito di sinistra Más País ha annunciato lo scorso anno che il governo aveva acconsentito alla richiesta di lanciare un programma pilota di una settimana lavorativa di quattro giorni, la Spagna ha lanciato il progetto a dicembre.

Il progetto pilota aiuterà le PMI a ridurre la loro settimana lavorativa di almeno mezza giornata, senza ridurre i salari: si tratta di un test per vedere se la produttività può essere incrementata. 

Le aziende che si iscrivono possono ricevere aiuti da un fondo governativo di 10 milioni di euro, ma devono progettare modi per aumentare la produttività che compensi il superamento dei costi salariali, ha affermato il ministero dell'Industria spagnolo.

Questi miglioramenti devono essere implementati entro un anno, mentre l'azienda deve rimanere nel programma per almeno due anni.

Per il primo anno del progetto pilota, il governo finanzierà in parte i costi salariali e contribuirà a finanziare la formazione per migliorare l'efficienza.

Possono partecipare solo i lavoratori con contratto a tempo indeterminato a tempo pieno.

Islanda: uno dei leader nella settimana lavorativa di quattro giorni

Tra il 2015 e il 2019, l'Islanda ha condotto il più grande progetto pilota al mondo di una settimana lavorativa da 35-36 ore (ridotta rispetto alle tradizionali 40 ore), senza alcuna richiesta di una riduzione proporzionale della retribuzione.

Alla fase di test hanno preso parte circa 2.500 persone: per garantire il controllo della qualità, i risultati sono stati analizzati dal think tank britannico Autonomy e dall'Associazione no-profit islandese per la sostenibilità e la democrazia (ALDA).

Il progetto pilota è stato definito un successo dai ricercatori e dai sindacati islandesi, che hanno negoziato una riduzione dell'orario di lavoro.

Le reazioni contrastanti della Svezia

In Svezia, nel 2015 è stata sperimentata una settimana lavorativa di quattro giorni con retribuzione piena, con risultati contrastanti.

La proposta era di provare giornate lavorative di sei ore invece di otto, senza perdita di stipendio ma non tutti erano contenti dell'idea di spendere soldi per il processo.

Anche i partiti di sinistra pensavano che sarebbe stato troppo costoso implementarlo su larga scala.

Tuttavia, risultati positivi sono stati osservati all'interno dell'unità di ortopedia di un ospedale universitario, che ha trasferito 80 infermieri e medici a una giornata lavorativa di sei ore e ha assunto nuovo personale per recuperare il tempo perduto.

La risposta del personale medico è stata positiva, ma l'esperimento ha anche subito molte critiche e non è stato rinnovato.

Alcune aziende, come la casa automobilistica Toyota, hanno scelto di mantenere orari ridotti per i propri lavoratori: l'azienda aveva già deciso di farlo per i meccanici 10 anni fa e ha mantenuto la sua decisione.

La Finlandia non ha introdotto una settimana lavorativa di quattro giorni, nonostante da più parti si dicesse il contrario.

All'inizio di quest'anno, il Paese del nord Europa ha "colpito" i titoli internazionali dopo aver ridotto drasticamente l'orario di lavoro.

Il governo finlandese avrebbe voluto introdurre una settimana lavorativa di quattro giorni, oltre a una giornata lavorativa di sei ore: tuttavia, si è scoperto che si trattava di una notizia falsa, che il governo ha poi dovuto mettere in chiaro.

L'attuale premier, Sanna Marin, ha twittato sull'idea nell'agosto 2019 ma non è stata poi inclusa nell'agenda del governo.

Le start-up tedesche sperimentano la settimana corta

La Germania ospita una delle settimane lavorative medie più brevi in Europa: secondo il World Economic Forum (WEF), la settimana lavorativa media è di 34,2 ore, tuttavia i sindacati chiedono un'ulteriore riduzione dell'orario di lavoro.

IG Metall, il più grande sindacato del Paese, ha chiesto settimane lavorative più brevi, sostenendo che aiuterebbe a mantenere i posti di lavoro ed evitare i licenziamenti.

Secondo un sondaggio Forsa, il 71% delle persone che lavorano in Germania vorrebbe avere la possibilità di lavorare solo quattro giorni alla settimana.

Poco più di tre quarti degli intervistati ha affermato di sostenere il governo, che esplora la potenziale introduzione di una settimana di quattro giorni: tra i datori di lavoro, più di due su tre lo sostengono.

Una sostanziale maggioranza (75%) ritiene che una settimana di quattro giorni sarebbe auspicabile per i dipendenti, con una maggioranza (59%) secondo cui dovrebbe essere realizzabile anche per i datori di lavoro.

Quasi la metà di questi ultimi (46%) ha affermato di ritenere "fattibile" sperimentare una settimana di quattro giorni nel proprio ambiente di lavoro.

Tuttavia, è ancora da vedere se tale misura verrà attuata o discussa: sinora, sono principalmente le start-up più piccole che stanno sperimentando una settimana lavorativa più breve.

Canva
When implemented, a four-day week sees worker satisfaction increase, and so does productivity..Canva

Le aziende giapponesi si avventurano

In altri Paesi come il Giappone, sono le aziende più grandi che si stanno avventurando in questo territorio, in seguito all'annuncio del governo (nel 2021) di un piano per raggiungere un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata in tutta la Nazione.

Ci sono diverse ragioni per cui questo potrebbe essere positivo per il Paese, dove la morte per superlavoro miete molte vittime: infatti, il personale che lavora ore straordinarie può spesso ammalarsi a causa del lavoro eccessivo o diventare suicida.

Nel 2019, il gigante tecnologico Microsoft ha sperimentato il modello, offrendo ai dipendenti fine settimana di tre giorni per un mese: la mossa ha aumentato la produttività del 40% e ha portato a un lavoro più efficiente.

Unilever sperimenta in Nuova Zelanda

Nel frattempo, in Nuova Zelanda, 81 dipendenti che lavorano per il colosso dei beni di consumo Unilever stanno attualmente prendendo parte a un anno di prova di una settimana lavorativa di quattro giorni, a piena retribuzione.

"Il nostro obiettivo è misurare le prestazioni in base all'output, non al tempo: riteniamo che i vecchi modi di lavorare siano obsoleti e non più adatti allo scopo", ha affermato Nick Bangs, amministratore delegato di Unilever New Zealand.

Se l'esperimento si rivelerà un successo, verrà esteso ad altri Paesi.

Forte interesse per Stati Uniti e Canada

Secondo un sondaggio del fornitore di software cloud Qualtrics, il 92% dei lavoratori statunitensi è a favore della settimana lavorativa ridotta, anche se ciò significa lavorare più ore.

I dipendenti intervistati hanno citato il miglioramento della salute mentale e l'aumento della produttività come benefici percepiti.

Tre dipendenti su quattro (74%) affermano che sarebbero in grado di completare la stessa quantità di lavoro in quattro giorni, ma la maggior parte (72%) afferma che per farlo dovrebbe lavorare più ore nei giorni lavorativi.

In Canada, una ricerca dell'agenzia globale per l'impiego Indeed ha rilevato che il 41% dei datori di lavoro canadesi sta prendendo in considerazione orari ibridi alternativi e nuovi stili di lavoro, a seguito della pandemia..

Il sondaggio di Indeed su 1.000 datori di lavoro di impiegati in Canada ha rilevato che il 51% delle grandi aziende con oltre 500 dipendenti "probabilmente implementerebbe settimane lavorative di 4 giorni".

Comparativamente, il 63% delle organizzazioni di medie dimensioni con 100-500 membri afferma che sarebbe disposto a implementare una settimana lavorativa più breve.

Secondo un nuovo rapporto di Maru Public Opinion, la maggioranza dei lavoratori canadesi a tempo pieno (79%) è stata anche trovata disposta ad accorciare la settimana lavorativa.

Nel complesso, la settimana lavorativa di quattro giorni sembra lentamente ma sicuramente guadagnare terreno in tutto il mondo, pur restando da vedere se i governi adotteranno definitivamente l'idea.

Risorse addizionali per questo articolo • REUTERS

Notizie correlate