EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Belgio, l'inflazione colpisce anche le tradizionali patatine fritte

Masoin Antoine, a due passi dalle sedi delle istituzioni europee, è una delle friggitorie più rinomate di Bruxelles
Masoin Antoine, a due passi dalle sedi delle istituzioni europee, è una delle friggitorie più rinomate di Bruxelles Diritti d'autore Cleared
Diritti d'autore Cleared
Di Aida Sanchez Alonso
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I costi dell'energia sono aumentati del 20-25%, in crescita anche quelli delle materie prime. Ma per le friggitorie è difficile scaricarli sui clienti, che con le frites hanno una "relazione emotiva"

PUBBLICITÀ

Non si vive di solo pane in Belgio, ma anche di birra, cioccolato e patatine fritte. E quando il prezzo di uno di questi alimenti tradizionali sale, i belgi se ne accorgono subito.

Frites in pericolo

Come nel caso delle famose frites, cotte due volte nel grasso animale: con l'aumento dei prezzi dell'energia e l'inflazione che ha superato il 12% a ottobre, le porzioni di patatine sono sempre più salate. Lo spiega a Euronews Pascal Willaert, il proprietario di una delle friggitorie più famose di Bruxelles, Masoin Antoine, che si trova a due passi dalle sedi delle istituzioni europee.

"Bisogna calcolare che il prezzo dell'energia è aumentato all'incirca del 20-25%. Poi, il grasso è salito del 35% e le salse del 10%, mentre le patate tra il 4 e il 5%".

I consumatori più affezionati, che fanno sosta alla friggitoria almeno una volta alla settimana, si accorgerebbero presto di una variazione nel costo di listino del loro snack preferito. Anche per questo la corporazione del settore ritiene difficile un aumento generalizzato dei prezzi.

"Se un cono di patatine aumenta di 20 centesimi, l'impatto sul consumatore è molto più significativo che se la lavastoviglie aumenta di 160 euro", sostiene Bernard Lefevre, presidente dell'associazione delle friggitorie. 

"Perché con la lavastoviglie non c'è un legame emotivo, quando ne hai bisogno ne compri una. In Belgio una frite è molto più di una semplice patata fritta. Fa parte della nostra vita quotidiana, abbiamo una relazione emotiva".

Se l'inflazione continuerà a salire, però, il prezzo dei coni di patatine fritte dovrà prima o poi adeguarsi. Ma anche in questo caso è difficile che i belgi rinuncino alle loro amate frites.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Accordo con Engie per il prolungamento dell'attività di due reattori: Belgio sempre più "nucleare"

Lotta all'inflazione: la Bce alza ancora i tassi di interesse

Italia, l'inflazione al galoppo: sugli alimentari gli aumenti più alti degli ultimi 40 anni