EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Nestlé, distrutti due milioni di bottiglie d'acqua della filiale Perrier: scoperti batteri "fecali"

bottiglia Perrier
bottiglia Perrier Diritti d'autore AP Photo/J. Scott Applewhite
Diritti d'autore AP Photo/J. Scott Applewhite
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

La Perrier, filiale di Nestlé, ha sospeso lo sfruttamento di uno dei suoi pozzi a Gard su richiesta del prefetto del dipartimento di Gard, che ha constatato un deterioramento della qualità dell'acqua del bacino

PUBBLICITÀ

La famosa marca di acqua frizzante Perrier, filiale di Nestlé, ha distrutto due milioni di bottiglie d'acqua "per precauzione" dopo la scoperta di batteri di "origine fecale" in uno dei suoi pozzi nel dipartimento di Gard, nella Francia meridionale, di cui ha dovuto interrompere lo sfruttamento. Lo ha reso noto all'Afp Nestlé Waters. 

È stato il prefetto del dipartimento a ordinare alla società, con un decreto del 19 aprile, di "sospendere immediatiamente" l'esercizio di uno dei bacini idrici del sito di produzione Perrier, situato più precisamente a Vergèze, vicino a Nîmes. 

Nel decreto di segnala che il bacino "ha presentato un episodio di contaminazione per diversi giorni a partire dal 10 marzo 2024 da parte di germi che testimoniano una contaminazione di origine fecale", tipo Escherichia coli

È anche sottolineato che "una contaminazione dell'acqua raccolta da questa fonte non può essere esclusa e potrebbe rappresentare un rischio per la salute dei consumatori". 

Nestlé ha riferito che il pozzo è soggetto a “sorveglianza rafforzata (...) su richiesta delle autorità” e il suo sfruttamento "riprenderà al momento opportuno sotto il controllo delle autorità". La società ha garantito però che "tutte le bottiglie sul mercato sono sicure da consumare".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Battaglie d'acqua e campane volanti: ecco tutte le tradizioni pasquali europee

Su Marte potrebbe esserci stata acqua più a lungo di quanto finora ipotizzato

Acqua di scarico torna nei rubinetti: al via il progetto nei Paesi Bassi