La serra dove si coltivano bitcoin

Access to the comments Commenti
Di Alberto De Filippis
Image
Image   -   Diritti d'autore  VALERIA MONGELLI/AFP or licensors

Uno degli atti più inquinanti che esistano è quello di "sminare bitcoin". Per creare questa moneta virtuale c'è bisogno di complicati calcoli che possono essere realizzati da computer estremamente energivori che devono lavorare 24 ore su 24 consumando enormi quantitativi di elettricità. Per questo l'idea dei "bitcoin flowers", i fiori di bitcoin è rivoluzionartia. È stata realizzata a Rotterdam in Olanda dove un gruppo di persone hanno pensato di usare una gigantesca serra per produrre l'energia necessaria a creare bitcoin.

Dice uno dei fondatori: "Questa operazione non produce co2. Noi riduciamo il gas naturale e utilizziamo elettricità rinnovabile, il che significa che è meglio per l'ambiente, stiamo effettivamente migliorando l'ambiente invece di distruggerlo facendo il contrario."

In questa iniziativa "Bitcoin Bloem", le serre vengono riscaldate con elettricità che altrimenti andrebbe sprecata, invece che con gas naturale. L'energia è dunque prodotta dai fiori che permettono una ricerca davvero pulita.