EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Settimana lavorativa di sei giorni in Grecia, per i sindacati "un passo indietro sui diritti"

Proteste in Grecia contro la nuova legge sulla settimana lavorativa di sei giorni
Proteste in Grecia contro la nuova legge sulla settimana lavorativa di sei giorni Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dal primo luglio in Grecia è entrata in vigore una norma che permette ad alcune tipologie di aziende di chiedere ai propri dipendenti di lavorare un giorno in più. Per il governo aumenterà la produttività, per i sindacati peggiora le condizioni dei lavoratori

PUBBLICITÀ

"Un passo indietro sui diritti dei lavoratori". Questa la denuncia dei sindacati scesi in piazza ad Atene per protestare contro la nuova legge che prevede la settimana lavorativa di sei giorni.

In vigore dal 1 luglio, consente ai datori di lavoro di alcune imprese che operano in modo continuativo, o che dichiarano di avere un carico di lavoro "da smaltire", di chiedere ai propri dipendenti di lavorare un giorno in più di quanto previsto fino ad ora.

Se viene accettata la proposta, il lavoratore riceverà una retribuzione superiore del 40 per cento per il sesto giorno di lavoro. Se questo giorno è una domenica o un giorno festivo, l'aumento raggiungerà il 115 per cento.

Secondo alcuni cittadini interpellati da Euronews, questo meccanismo potrebbe ad ogni modo rappresentare un ricatto a cui la parte debole, il dipendente, farebbe fatica a sottrarsi.

"La prima cosa a cui pensare sono le esigenze di ogni persona, e quali forze abbia per lavorare sei giorni. In Europa sappiamo che si stanno sperimentando giornate lavorative di 36 ore e meno. E noi stiamo tornando indietro di 50 anni", afferma Areti, un addetto alla ristorazione.

"Ma se il tuo datore di lavoro ti dice 'questo e nient'altro', non puoi farci niente. Questa è la Grecia".

La Grecia in controtendenza rispetto al resto d'Europa

In Europa molti Paesi stanno sperimentando la settimana lavorativa di quattro giorni. In Belgio, per esempio, i dipendenti hanno ottenuto il diritto di svolgere un'intera settimana lavorativa in quattro giorni invece dei soliti cinque, senza ricevere meno soldi a fine mese.

Nel Regno Unito, uno degli esperimenti pionieristici che ha coinvolto 61 aziende e poco meno di 2.900 dipendenti, che hanno lavorato 34 ore alla settimana per quattro giorni tra giugno e dicembre 2022, è stato un successo: i dipendenti hanno goduto di un miglior bilanciamento tra vita privata e lavoro, mentre le aziende non hanno rinvenuto alcun calo di produttività.

In Italia soltanto alcune aziende hanno avviato la sperimentazione della settimana corta, tra queste c'è Luxottica.

Se molti altri Paesi, dunque, hanno deciso di perseguire questa strada, la Grecia va in controtendenza con questa nuova legge. Il governo, guidato dal governo conservatore di Kyriakos Mitsotakis, sostiene che darà un grande contributo per combattere il lavoro in nero e retribuire regolarmente gli straordinari non pagati.

La norma entra in vigore in un periodo in cui la Grecia ha registrato lo scorso anno una crescita del Pil del 2 per cento, in controtendenza rispetto alla stagnazione europea.

Secondo dati Eurostat, sempre sullo scorso anno, è stato il Paese con il maggior numero di ore settimanali lavorate, 39,8 in media. Con un salario minimo di 830 euro lordi e un grande numero di persone in difficoltà economica.

Una migliore produttività si accompagna a migliori condizioni di lavoro, a una migliore qualità della vita. E questo, lo sappiamo, significa meno ore, non più
Akis Sotiropoulos
Membro del comitato esecutivo del sindacato dei dipendenti pubblici Adedy

"In realtà questo provvedimento è stato approvato da un governo ideologicamente impegnato a generare profitti sempre maggiori per il capitale", ha dichiarato al The Guardian Akis Sotiropoulos, membro del comitato esecutivo del sindacato dei dipendenti pubblici Adedy.

"Una migliore produttività si accompagna a migliori condizioni di lavoro, a una migliore qualità della vita. E questo, lo sappiamo, significa meno ore, non più".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Indietro di decenni". Le reazioni alla settimana di lavoro di sei giorni in Grecia

Caldo estremo in Centro Italia, Croazia e Spagna: persiste il maltempo in Lombardia

Accordo tra Germania e Giappone su sviluppi economici e difesa