EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Chi è la nuova presidente dell'Islanda Halla Tómasdóttir: le donne alla guida del Paese

Elettori alle urne per le elezioni presidenziali in Islanda
Elettori alle urne per le elezioni presidenziali in Islanda Diritti d'autore AP
Diritti d'autore AP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Chi è l'imprenditrice che ha vinto le elezioni presidenziali in Islanda con più del 34 per cento dei voti, superando l'ex prima ministra Katrin Jakobsdóttir. Il Paese ha una lunga tradizione di donne elette ad alte cariche

PUBBLICITÀ

Halla Tómasdóttir, imprenditrice e investitrice, ha vinto le elezioni presidenziali dell'Islanda, superando un'affollata schiera di candidati. Le prime tre ad aver raccolto le percentuali più alte di preferenze sono donne, ha riferito il servizio radiotelevisivo nazionale del Paese.

Tómasdóttir è stata eletta alla carica con il 34,3 per cento dei voti, sconfiggendo l'ex prima ministra Katrin Jakobsdóttir, che ha ottenuto il 25,2 per cento, e Halla Hrund Logadottir,(15,5 per cento), ha dichiarato domenica la Ruv.

Chi è la nuova presidente dell'Islanda

Tómasdóttir, 55 anni, si è presentata in campagna elettorale come una persona al di sopra della politica di partito e interessata ad aprire discussioni su questioni come l'effetto dei social media sulla salute mentale dei giovani, lo sviluppo dell'Islanda come destinazione turistica e il ruolo dell'intelligenza artificiale.

Sostituirà il presidente Gudni Th. Johannesson, che non ha chiesto la rielezione dopo due mandati quadriennali. Tómasdóttir entrerà in carica il primo agosto.

Le donne alla guida dell'Islanda

L'Islanda, isola nordica situata nell'Atlantico settentrionale, ha circa 384mila abitanti e una lunga tradizione di donne elette ad alte cariche. Vigdis Finbogadóttir è stata la prima donna presidente democraticamente eletta di una nazione quando è diventata capo di Stato nel 1980.

Negli ultimi anni il Paese ha visto anche due donne ricoprire la carica di primo ministro e riportare stabilità nel Paese in anni di turbolenze politiche. Johanna Sigurdardottir ha guidato il governo dal 2009 al 2013, dopo che la crisi finanziaria globale aveva devastato l'economia islandese. Jakobsdóttir è diventata prima ministra nel 2017, guidando un'ampia coalizione che ha posto fine al ciclo di crisi che aveva scatenato tre elezioni in quattro anni. Si è dimessa ad aprile per candidarsi alla presidenza.

Tómasdóttir è salita alla ribalta durante la crisi finanziaria, quando è stata acclamata come cofondatrice di Audur Capital, una delle poche società di investimento islandesi sopravvissute allo sconvolgimento economico. Attualmente è in congedo come amministratore delegato del B Team, un'organizzazione no-profit che lavora per promuovere la diversità sul posto di lavoro e ha uffici a New York e Londra.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Maltempo: ritrovati i corpi di due dei tre dispersi in Friuli, migliaia di evacuati in Germania

Israele: proteste contro Netanyahu, diversi arresti

Festa della Repubblica, Lega attacca Mattarella su elezioni europee che "consacrano" sovranità Ue