EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Come Trump: per difendere i confini dell'Europa la destra francese vuole costruire un muro

Francois-Xavier Bellamy, candidato del Partito Repubblicano (LR) per le elezioni europee
Francois-Xavier Bellamy, candidato del Partito Repubblicano (LR) per le elezioni europee Diritti d'autore Stephane de Sakutin/Copyright 2019 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Stephane de Sakutin/Copyright 2019 The AP. All rights reserved
Di Sophia Khatsenkova
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Un muro per difendere i confini, energia nucleare e reindustrializzazione sono alcuni dei punti chiave che il candidato della destra francese alle elezioni europee François-Xavier Bellamy spera possano rilanciare la sua campagna elettorale

PUBBLICITÀ

In svantaggio nei sondaggi per le prossime elezioni europee, il candidato della destra francese Francois-Xavier Bellamy cerca disperatamente di rilanciare la sua campagna.

Annunciando il programma del partito repubblicano francese (Les Républicains) martedì a Parigi, l'eurodeputato ha deciso di concentrare la sua campagna su due temi: immigrazione esovranità europea.

Immigrazione: un muro per i confini europei?

Il candidato si dice favorevole alla costruzione di muri fisici ai confini dell'Ue - un'idea che ricorda la promessa fatta dall'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump nel 2016.

La destra sta anche considerando di mantenere una "clausola di salvaguardia" in cui ogni Paese membro potrebbe ristabilire il controllo dei propri confini in caso di emergenza.

Quando si parla di sovranità europea, il programma è vasto. Secondo Bellamy, per tornare ad essere forte, "l'Unione Europea deve cambiare profondamente il suo corso".

"L'intero continente sta attraversando una crisi profonda. Il problema è duplice: Il declino dell'Europa nel mondo e il declino della Francia in Europa".

Ciò significa ridurre la regolamentazione e le regole e investire maggiormente nella tecnologia e nella reindustrializzazione del continente.

Per il candidato di destra, sovranità significa anche investire di più in una difesa comune europea. "Propongo che tutti gli Stati europei aumentino il loro contributo allo sforzo di difesa collettiva al 3 per cento del loro Pil", alla Nato, un gruppo di 32 Paesi dell'Europa e del Nord America che esiste per proteggere le persone e il territorio dei suoi membri.

"Nessun secondo mandato per Ursula Von Der Leyen".

Per raggiungere questi obiettivi, Bellamy è stato chiaro: il suo partito non voterà per l'attuale Presidente della Commissione Ue Ursula Von Der Leyen, che fa parte del suo Partito opolare europeo (Ppe) a Bruxelles.

Il candidato di destra ha anche assicurato di essere a capo dell'unico partito di destra in Francia che può far sentire la voce del suo Paese a Bruxelles.

"Saremo i rappresentanti dei francesi all'interno del principale partito politico europeo, il Partito popolare europeo, di cui facciamo parte. Siamo l'unica lista che può permettere alla Francia di decidere domani nel dibattito europeo".

Alla domanda su come il suo partito sarebbe in grado di influenzare il Ppe in caso di rielezione di Von Der Leyen, François-Xavier Bellamy ha insistito sul fatto che altri eurodeputati del partito voteranno contro di lei.

"Non vogliamo dare a Ursula von der Leyen un secondo mandato. Il minimo che possiamo dire è che questa posizione è tutt'altro che marginale, ed è condivisa da gran parte dei raggruppamenti politici che compongono il Ppe".

Ma con solo l'8 per cento delle intenzioni di voto, il tradizionale partito di destra si trova in bilico tra il partito Renaissancedel presidente francese Emmanuel Macron, che propende per il centro-destra, e il partito di estrema destra National Rally, attualmente in testa ai sondaggi con il 32 per cento.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Europa che voglio: crisi internazionali e difesa comune, cosa farei da europarlamentare

Polli cattivi e cani a due code: i sei partiti più strani in corsa alle elezioni europee

Europee, i conservatori francesi fanno campagna elettorale sull'immigrazione al confine italiano