EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

L'ascesa dell'estrema destra costringe le donne a essere più attive in politica?

Una bambina aspetta la madre per votare, sullo sfondo di cabine elettorali con tende raffiguranti la bandiera dell'Unione europea a Baleni, in Romania, nel 2019.
Una bambina aspetta la madre per votare, sullo sfondo di cabine elettorali con tende raffiguranti la bandiera dell'Unione europea a Baleni, in Romania, nel 2019. Diritti d'autore Andreea Alexandru / Mediafax
Diritti d'autore Andreea Alexandru / Mediafax
Di Ines Trindade Pereira
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in portoghese

Molti esperti di parità di genere ritengono che le istituzioni europee rimangano elementi astratti nella vita delle donne e uno spazio alimentato da stereotipi di genere

PUBBLICITÀ

Un aumento della rappresentanza dei partiti di estrema destra nel Parlamento europeo potrebbe diventare realtà alle prossime elezioni europee. Secondo un sondaggio esclusivo condotto da Ipsos per Euronews, i partiti della destra radicale ed euroscettica potrebbero ottenere 30 seggi in più al Parlamento europeo, in testa ai sondaggi in Francia, Belgio, Paesi Bassi e Austria.

Anche la rappresentanza dell'estrema destra a livello nazionale è aumentata. In Portogallo, il partito Chega è passato da 12 a 50 deputati alle elezioni legislative del 10 marzo 2024.

Questa tendenza politica potrebbe comportare un cambiamento nei diritti delle donne, allontanando l'Unione europea da un'agenda femminista.

A livello nazionale, alcuni governi europei hanno già approvato leggi che potrebbero mettere le donne in situazioni ostili. È il caso dell'Italia, che ha approvato una legge che consente ai gruppi anti-aborto di accedere ai consultori.

Lo studio di Oxfam "Un'Europa femminista?" afferma che "i crescenti passi indietro nell'uguaglianza di genere in Europa possono essere messi in relazione con il crescente successo elettorale e la rappresentanza di gruppi populisti di estrema destra in Paesi come la Svezia, l'Italia e i Paesi Bassi".

Cecilia Francisco Carcelén, una delle tre autrici dello studio e specialista in uguaglianza di genere, garantisce: "Lo smantellamento dei diritti delle donne è al centro di ciò che i movimenti di estrema destra sostengono".

Secondo Eurostat, nel 2022 le donne rappresentavano il 52 per cento della popolazione degli Stati membri dell'Ue. L'aumento dei voti dell'estrema destra costringerà le donne a essere più attive politicamente alle elezioni europee del 2024?

Eleonora del Vecchio, un'altra coautrice dello studio e ricercatrice sulla parità di genere, ritiene che "le donne che si sentono minacciate dall'estrema destra possono impegnarsi di più in politica", ma solo se credono ancora nelle istituzioni e nella democrazia.

Il voto per le donne in Europa

Per molto tempo, la percentuale di donne che si astenevano dal voto rispetto agli uomini è stata molto diversa. Sebbene il divario nella partecipazione al voto si sia ridotto, soprattutto dopo le elezioni europee del 2014, con il 45 per cento degli uomini che ha dichiarato di voler votare contro il 41 per cento delle donne, la Fondazione Robert Schuman conclude che "le donne si sentono ancora meno coinvolte nella politica europea rispetto agli uomini".

Uno studio condotto da Eurobarometro in uno scenario post elezioni europee del 2019 ha inoltre rivelato che le donne sono più propense degli uomini a spiegare di non aver votato perché non conoscono molto il Parlamento europeo o le elezioni europee.

Carcelén dice: "Non sorprende che molte donne si sentano scollegate dai politici (uomini), soprattutto quando questi non comprendono i loro problemi, il che si traduce in politiche pubbliche che non tengono conto del genere. È un circolo di feedback alimentato dagli stereotipi di genere".

Emma Rainey, un'altra delle coautrici dello studio Oxfam e consulente per l'uguaglianza di genere, sottolinea che "per molte donne le istituzioni dell'Unione europea rimangono irrilevanti e astratte", soprattutto dopo la pandemia, quando la loro qualità di vita è diminuita in modo significativo e non c'è stata alcuna risposta concreta "per eliminare l'aumento degli oneri".

Per la presidente della Ong European Women's Lobby, Iliana Balabanova, una delle ragioni di questa indifferenza è la mancanza di rappresentanza sulla scena politica.

Attualmente non esistono dati a livello europeo sui diversi gruppi di donne presenti in questa sezione. Balabanova aggiunge: "E devo dire che del 33 per cento di donne al Parlamento europeo, abbiamo solo 17 eurodeputate appartenenti a minoranze etniche, il che significa che un grande gruppo di noi è scarsamente rappresentato".

La rappresentanza politica delle donne in Europa

Da quando Ursula von der Leyen è stata eletta Presidente della Commissione europea nel 2019, il numero di commissari donna è passato da nove a 13 su un totale di 27 rappresentanti, raggiungendo l'obiettivo della parità di genere nel collegio dei commissari.

Roberta Metsola e Christine Lagarde sono altri nomi che occupano posizioni di rilievo nelle istituzioni europee. Tuttavia, l'esistenza di figure femminili in posizioni di vertice apre un dibattito sul fatto che ciò sia sufficiente a garantire la parità di genere.

Rainey afferma che "non si possono negare" i significativi progressi compiuti nella promozione dell'uguaglianza di genere da quando von der Leyen è diventata Presidente della Commissione europea, ma sottolinea anche che lei è "molto privilegiata" e che la sua realtà è "molto distante dalla realtà quotidiana della maggior parte delle donne".

Eleonora del Vecchio si spinge oltre: "Essere donna donna non significa automaticamente essere una sostenitrice della parità di genere o una femminista".

PUBBLICITÀ

"Roberta Metsola viene da Malta, un Paese in cui l'aborto è illegale tranne nei casi in cui la vita della donna incinta è a rischio. In un comunicato stampa del 2015, la deputata e i suoi colleghi maltesi hanno dichiarato di essere "categoricamente contrari all'aborto". È risaputo che la libertà di scelta è fondamentale per l'emancipazione femminile e che vietare l'aborto ha conseguenze pesanti, soprattutto per le donne povere e migranti".

A prescindere dalla loro ideologia politica, le donne che decidono di intraprendere una carriera politica devono affrontare la maggiore esposizione alla violenza negli ultimi anni. La violenza psicologica, fisica e online a cui sono esposte può indurle a rinunciare alla politica.

Uno studio condotto su 2424 partecipanti in 31 Paesi rivela che dopo un contatto permanente con questo tipo di violenza, il 21 per cento delle donne in politica è diventato meno attivo nel dibattito pubblico, il 12 per cento si è ritirato dalla vita pubblica e il 9 per cento ha deciso di non ricandidarsi.

Marie-Colline Leroy, attuale Segretario di Stato belga per l'uguaglianza di genere, le opportunità e la diversità, ammette che molti tentativi di delegittimare le sue proposte si basano sul fatto che è una donna.

Tuttavia, questo clima di paura porta Iliana Balabanova a chiedere: "Meritiamo di far sentire la nostra voce. Meritiamo che le nostre richieste vengano soddisfatte. Meritiamo il nostro posto sia dal punto di vista politico, culturale ed economico che come esseri umani. Questo è ciò che ci mobiliterà veramente".

PUBBLICITÀ
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'aborto nella Carta dei diritti fondamentali dell'Ue: sì (simbolico) del Parlamento europeo

Ecco le "trad wives", le influencer antifemministe che promuovono i valori tradizionali

L'estrema destra in Europa sempre più al potere