Kallas: "L'Europa non deve ripetere l'errore del dopoguerra e investire subito nella Difesa"

Il primo ministro estone Kaja Kallas parla con i giornalisti al suo arrivo al vertice dell'UE a Bruxelles, il 1° febbraio 2024.
Il primo ministro estone Kaja Kallas parla con i giornalisti al suo arrivo al vertice dell'UE a Bruxelles, il 1° febbraio 2024. Diritti d'autore AP Photo/Omar Havana
Diritti d'autore AP Photo/Omar Havana
Di Maria Psara, Alice Tidey
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

I Paesi europei non devono commettere lo stesso errore dell'Estonia prima della Seconda Guerra Mondiale e investire pesantemente nella difesa per evitare di essere colti di sorpresa, ha detto la premier estone Kallas

PUBBLICITÀ

Parlando a un gruppo selezionato di giornalisti, tra cui Euronews, in vista del vertice di due giorni a Bruxelles, in cui il sostegno all'Ucraina e alla difesa europea saranno tra i primi punti all'ordine del giorno, Kaja Kallas ha detto che alcuni Paesi europei potrebbero essere presi di mira dalla Russia se l'Ucraina dovesse perdere la guerra.

"Se non vogliamo che questa guerra vada oltre, dobbiamo aiutare gli ucraini a difendersi. È chiaro che non è in gioco solo la sicurezza europea, ma anche quella globale. Se aiutiamo davvero l'Ucraina, non dobbiamo preoccuparci di chi sarà il prossimo. Ma se l'Ucraina cade, ci sarà una pausa di alcuni anni e lo vedremo su scala più ampia, soprattutto se non investiamo nella difesa", ha detto Kallas.

La premier estone ha chiesto che i Paesi che fanno parte della coalizione di Ramstein, che comprende i membri della Nato, l'Ue e altri 15 Stati in tutto il mondo, impegnino lo 0,25% del loro prodotto interno lordo per gli aiuti militari all'Ucraina. Questo, ha detto, "contribuirebbe notevolmente alla vittoria dell'Ucraina sulla Russia". Ma ha anche esortato i Paesi europei a potenziare i propri sistemi di difesa, facendo un parallelo con il periodo interbellico.

Kallas: "Vogliamo una pace sostenibile"

"Nel 1933, gli investimenti per la difesa dell'Estonia erano ai minimi storici. E perché? Perché era tempo di pace. Abbiamo costruito il nostro Paese ed eravamo un Paese neutrale. Ma nel 1938, quando fu chiaro che la guerra stava arrivando, gli investimenti per la difesa furono aumentati del 100 per cento, ma era già troppo tardi", ha detto.

"Per un Paese piccolo come l'Estonia, la guerra significa sempre distruzione, significa sofferenza umana", ha aggiunto Kallas.

Lo Stato baltico, che confina con la Russia, è stato invaso dalle forze sovietiche e naziste durante la Seconda guerra mondiale ed è stato occupato dal suo vicino dal 1944 fino alla riconquista dell'indipendenza nel 1991.

Kallas ha aggiunto che spetta ai leader spiegare adeguatamente ai propri elettori la necessità di un tale incremento degli investimenti e chiarire che ciò non equivale a una posizione favorevole alla guerra.

"Il problema degli investimenti nella Difesa è che, ovviamente, per i leader che hanno vicini molto migliori di noi, è molto difficile spiegare alla gente quando è tempo di pace", ha aggiunto. "Ma il problema della Difesa è che quando serve è già troppo tardi per fare altri passi".

"Vogliamo la pace, ma vogliamo una pace sostenibile. E la pace alle condizioni della Russia non è sostenibile. Ciò significa che avremo una pausa di alcuni anni, e si andrà ancora oltre perché loro possono farlo".

"L'aggressore è provocato dalla debolezza. Per questo motivo, a livello europeo, chiedo che si faccia di più per la difesa, che si aumentino gli investimenti per la difesa, perché l'aggressore non fa un passo ulteriore se vede che siamo abbastanza forti e che non può vincere.

"Potrebbe fare una valutazione diversa se pensa che siamo abbastanza deboli e che può vincere. Ma noi non vogliamo questo. Ecco perché è necessario che tutti noi, tutti i Paesi europei, ma anche i Paesi della Nato, investano nella difesa", ha dichiarato.

Il problema dei finanziamenti

Il blocco dei 27 Paesi è nel bel mezzo di un'importante revisione della sua politica di difesa, con la Commissione europea che ha presentato proposte per potenziare la capacità industriale europea di difesa attraverso acquisti congiunti, tra le altre cose.

L'esigenza è tanto più pressante in quanto molti Stati membri hanno esaurito le scorte esistenti da donare all'Ucraina e la produzione europea di munizioni, benché significativamente superiore a quella di un anno fa, non ha permesso all'Ue di raggiungere l'obiettivo di fornire al Paese devastato dalla guerra un milione di proiettili entro marzo.

Ma il modo in cui finanziare l'aumento degli investimenti sta dividendo i leader dell'Ue, soprattutto perché molti degli Stati membri dell'Ue che appartengono anche alla Nato continueranno a non raggiungere quest'anno l'obiettivo militare dell'alleanza del 2% del Pil per le spese di difesa.

Tra le proposte che più dividono c'è l'idea di emettere i cosiddetti Eurobond per raccogliere congiuntamente denaro da destinare interamente alla spesa per la difesa.

Il debito comune dell'Ue è stato emesso per la prima volta per finanziare l'importante piano di ripresa post-pandemia da 800 miliardi di euro, ma inizialmente è stato fermamente osteggiato dai cosiddetti "Paesi frugali": Austria, Danimarca, Finlandia, Paesi Bassi e Svezia. Essi temevano che gli Stati membri più ricchi avrebbero finito per accollarsi la maggior parte dei costi e che in futuro l'Ue si sarebbe rivolta a questa opzione di finanziamento per altri programmi non essenziali.

Mercoledì Kallas ha ribadito il suo sostegno all'emissione di eurobond per finanziare i progetti di difesa, che in precedenza aveva suggerito di raggiungere i 100 miliardi di euro. Ha inoltre appoggiato la proposta di rivedere il mandato della Banca europea per gli investimenti per consentirle di finanziare progetti di difesa.

Ha esortato l'Ue a portare avanti i piani per utilizzare i profitti inattesi derivanti dai beni immobilizzati della Russia per aiutare l'Ucraina a difendersi e a reprimere ulteriormente la macchina da guerra russa chiudendo le scappatoie che consentono di aggirare le sanzioni.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Consiglio europeo, i leader dell'Ue discuteranno di rompere il tabù dei bond per la difesa

Difesa, Ue presenta la strategia comune: "Spendiamo di più e insieme" esorta von der Leyen

Stato dell'Unione: i problemi che alimentano la rabbia antidemocratica