This content is not available in your region

GoodGo: l'app italiana che promuove la mobilità sostenibile e aiuta a ritrovare le bici rubate

Di Aurora Velez
euronews_icons_loading
GoodGo: l'app italiana che promuove la mobilità sostenibile e aiuta a ritrovare le bici rubate
Diritti d'autore  euronews

A Pisa chi utilizza i mezzi pubblici o quelli non inquinanti viene premiato attraverso l'app GoodGo, sviluppata dall'Università di Pisa. L'app rileva le modalità di trasporto, il costo del trasporto per singola modalità utilizzata, registra le emissioni di ogni utente e le calorie consumate, incoraggiando in questo modo la mobilità sostenibile.

Tra le principali funzioni dell'app c'è SaveMyBike, che permette di rintracciare le bici rubate: il primo omaggio per chi si iscrive alla piattaforma è un sensore passivo a radiofrequenza molto utile in caso di furto del veicolo. "È una specie di bottone che viene inserito all'interno del sellino della bici - dice Chiara, tra le prime a usare il servizio -. In caso di furto è sufficiente apire l'app sul telefono e segnalare il furto alla polizia municipale, che poi avviserà i cittadini del ritrovamento".

Il progetto ha un budget totale di 815.007 euro: il 44,9% è finanziato dalla politica di coesione dell'Unione europea. Quando l'app è stata lanciata, lo scorso maggio, si sono iscritte 300 persone nella prima settimana. L'obiettivo è di arrivare a 5.000 iscritti. A che tipo di esigenza risponde questa app? Ce lo spiega Massimiliano Petri, il responsabile del progetto.

"Nelle città italiane, per esempio a Pisa, solo il 9% dei cittadini utilizza il trasporto pubblico e la bicicletta è usata, ma troppo poco - dice Petri -. Quindi abbiamo cercato di introdurre questi sistemi proprio per diminuire la densità di veicoli privati in città

Chi usa il trasporto sostenibile ottiene dei punti che equivalgono a denaro virtuale, accettato nei negozi partner della Regione. "È molto semplice utilizzare l'app, sia per noi che per il cliente - dice la titolare di una cioccolateria nel centro di Pisa -. È il Comune che rimborsa direttamente i buoni che sono stati spesi presso il nostro esercizio".