EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Elezioni in Ungheria, cosa c'è in ballo?

Elezioni in Ungheria, cosa c'è in ballo?
Diritti d'autore Johanna Geron/AP
Diritti d'autore Johanna Geron/AP
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Uno sguardo su di un appuntamento elettorale che può cambiare il futuro del paese magiaro

PUBBLICITÀ

Il controverso primo ministro ungherese Viktor Orbán vinse le elezioni in modo schiacciante 12 anni fa e ha iniziato immediatamente la profonda trasformazione del Paese.

Ciò ha provocato un aspro conflitto con l'Unione europea. Molti sono stati preoccupati per i cambiamenti del sistema elettorale, della libertà dei media e dei diritti LGBTI.

Katarina Barley, eurodeputata socialista tedesca: "Quando guardiamo agli ultimi 12 anni, lo stato di diritto e la democrazia sono diminuiti in modo massiccio in Ungheria. E ora siamo a un punto in cui dobbiamo chiederci se il Paese soddisfi gli standard democratici".

Uno dei maggiori momenti di tensione è stato nel 2015 per la migrazione, quando Orbán ha costruito una recinzione di confine e ha avviato una retorica contro i rifugiati. E anche l'OLAF, l'agenzia antifrode dell'UE, ha lanciato gli allarmi per l'uso improprio dei fondi dell'UE.

Katarina Barley, eurodeputata socialista tedesca:  "Tutti sanno che il governo ungherese, in particolare Viktor Orbán e il suo clan, è molto molto corrotto, probabilmente il governo più corrotto d'Europa".

Dopo che Orbán ha vinto il terzo mandato nel 2018, Bruxelles ha deciso di riprendere lo scontro. Il Parlamento europeo ha attivato un regime sanzionatorio denominato Articolo 7 e l'UE ha deciso di collegare i pagamenti di bilancio alla lotta alla corruzione.

Doru Frantescu, direttore VoteWatch Europe: "Sono state discussioni molto difficili, trattative molto difficili, il signor Orbán è riuscito a ottenere una sorta di posizione accomodante, ma certamente non nella misura in cui avrebbe sperato, o ciò che pensava avrebbe portato a casa".

Ora in Ungheria una coalizione di opposizione a 6 partiti sta sfidando il potere di Orbán. Il loro messaggio principale è che l'Ungheria appartiene all'Occidente e all'UE. Ma secondo questo esperto, anche se questa coalizione prevalesse, la luna di miele con Bruxelles potrebbe finire presto.

Doru Frantescu, direttore di VoteWatch Europe: Se l'opposizione vince in Ungheria, il governo sarà composto da molti partiti. E come sappiamo, un governo composto da molti partiti che uniscono le forze solo per sbarazzarsi del nemico più grande, non è un governo stabile a lungo termine. "

Doru Frantescu ha aggiunto che se Orbán rimane al potere, il suo potere potrebbe essere più debole, il che lo costringerebbe a essere più accomodante verso i suoi partner europei e meno distruttivo.

Sándor Zsiros, Euronews: "Volevamo sentire le opinioni dell'eurodeputato pro governo ungherese qui a Bruxelles, ma non volevano parlare con noi".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Voto in Ungheria: trovate schede elettorali compilate in una discarica

Francia, la candidata di Renaissance Yaël Braun-Pivet rieletta presidente dell'Assemblea nazionale

Guerra in Ucraina: i residenti di Kamianka cercano di ricostruire le loro vite