This content is not available in your region

Un fiume di rifugiati dall'Ucraina, l'Europa si attrezza per accoglierli

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Un fiume di rifugiati dall'Ucraina, l'Europa si attrezza per accoglierli
Diritti d'autore  Stephanie Lecocq/AP

I ministri della Giustizia e dell'Interno stanno coordinando gli sforzi su una miriade di problemi derivanti da milioni di rifugiati dall'Ucraina che arrivano negli Stati membri in cerca di rifugio.

L'alloggio come l'assistenza medica e psicologica sono priorità chiave. E c'è anche la necessità di proteggere le donne ei bambini non accompagnati e vulnerabili alla tratta di esseri umani.

Dice Ylva Johannson, Commissaria UE per gli affari interni: "Abbiamo rapporti crescenti da parte delle organizzazioni delle Nazioni Unite sul campo, in particolare negli Stati membri dell'UE - dicono di essere testimoni di auto più sospette che vengono a prelevare donne e bambini. Ed è per questo che abbiamo attivato la rete coordinata anti-tratta che abbiamo ."

Finora quasi 4 milioni di persone sono fuggite dall'Ucraina. La maggioranza – circa 2,2 milioni sono arrivati ​​in Polonia seguiti da Romania, Moldova, Ungheria e Slovacchia

Rifugiati in fuga dall'Ucraina (per ora): 3.866.224

Polonia 2.293.833

Romania 595.868

Repubblica di Moldova 383.627

Ungheria 354.041

Slovacchia 275.439

Tra le questioni discusse lunedì ci sono state le sfide finanziarie e i fondi europei che possono essere distribuiti per sostenere i paesi più colpiti.

Ai sensi della Direttiva sulla protezione temporanea dell'UE, i rifugiati hanno diritto a una residenza temporanea, compreso il permesso di lavoro, alloggio, assistenza medica e istruzione.

Ma ci sono esigenze specifiche per i rifugiati che sono più vulnerabili.

Afferma Stephanie Pope, esperta di migrazione Oxfam UE: “Ciò che è importante in parallelo è che i paesi membri dell'UE aumentino, e di molto, le loro capacità di accoglienza per garantire che tutti coloro che arrivano, comprese le famiglie e i bambini, abbiano accesso a un alloggio sicuro che sia anche adatto ai bambini e diviso per sessi. Queste persone avranno anche bisogno di riferimenti ai servizi di base e al supporto psicosociale. Anche i minori non accompagnati avranno bisogno dell'accesso alle reti di tutela”.

Alcuni paesi stanno raggiungendo il limite di numero di persone che possono ricevere.

La Commissione europea sta creando una piattaforma a livello dell'UE per la registrazione dei rifugiati, consentendo ai paesi di coordinare le diverse esigenze e richieste.