EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Rifugiati ucraini, la blogger Mariana Vishegirskaya rompe il silenzio

AP Photo
AP Photo Diritti d'autore Czarek Sokolowski/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Czarek Sokolowski/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le autorità russe sono accusate di sfruttare i rifugiati ucraini in fuga dalla guerra ai fini propagandistici

PUBBLICITÀ

Le autorità russe sono accusate di sfruttare i rifugiati ucraini in fuga dalla guerra ai fini propagandistici.

Un esempio pratico rigurarda il bombardamento di un ospedale di maternità a Mariupol, dove la blogger ucraina Mariana Vishegirskaya era stata erroneamente considerata una delle vittime.

La Russia l'ha definita un'attrice, ma ora sono emersi nuovi video in cui lei stessa riferisce che non c'è stato alcun attacco aereo su quell'ospedale.

Pelle Rink/ Pelle Rink
AP PhotoPelle Rink/ Pelle Rink

"Queste persone arrivano ai cosiddetti campi di filtraggio - dice il giornalista investigativo russo Maxim Litavrin - dove vengono controllati i loro legami con i militari ucraini, se sono legati o meno al battaglione ucraino Azov.

Si tratta di controlli approfonditi, tutti i dati vengono caricati nel sistema: la seconda fase riguarda invece ulteriori interrogatori dopo aver attraversato il confine russo.

Possiamo solo immaginare dove siano stati girati esattamente questi video, nella prima o nella seconda fase di filtraggio".

In uno dei video, si sente un rifugiato ucraino dire che i nazionalisti ucraini hanno commesso crimini di guerra, tuttavia si è poi scoperto che questo video è stato prodotto dal Servizio di Sicurezza federale di Mosca e specificamente indirizzato a un pubblico russo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Una nuova vita in Grecia. La storia di Oleksiy e Kostantyn, fuggiti dalla guerra

Una casa ai rom, per smantellare le baraccopoli: il progetto della città di Gent

Un fiume di rifugiati dall'Ucraina, l'Europa si attrezza per accoglierli