This content is not available in your region

La Nato rigetta la richiesta di una no fly zone sull'Ucraina

Access to the comments Commenti
Di Méabh Mc Mahon  & Giulia Torbidoni
euronews_icons_loading
La Nato rigetta la richiesta di una no fly zone sull'Ucraina
Diritti d'autore  KENZO TRIBOUILLARD/AFP

Il quartier generale della Nato a Bruxelles lavora senza sosta per affrontare la sua più grande sfida da decenni.

I ministri della Difesa della Nato si sono incontrati per discutere l'invio di ulteriori armi e di supporto all'Ucraina e dei piani a lungo termine per posizionare forze Nato permanenti nell'Europa orientale.

Ma la solidarietà si ferma davanti a qualsiasi accenno a una no-fly zone sull'Ucraina.

"Abbiamo la responsabilità di garantire che questa guerra non degeneri oltre l'Ucraina", ha scandito ancora, in conferenza stampa, il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg. "Vediamo morte e distruzione, vediamo sofferenza umana in Ucraina. Ma questo potrebbe peggiorare ulteriormente se la Nato intraprendesse delle azioni che porterebbero a una vera e propria guerra tra Nato e Russia", ha spiegato l'ex primo ministro norvegese.

Ma per il ministro della Difesa ucraino, Oleksiy Reznikov, che si è unito per teleconferenza alla riunione dei ministri alleati, questo è insufficiente. Ha detto che il suo Paese ha bisogno di meno burocrazia e di più aiuti militari.

Secondo analisti della difesa come Bruno Lete, la NATO è un'alleanza difensiva e ora non c'è unità politica per andare oltre.

"Penso che ci stiamo dirigendo verso un'era di permanente instabilità", ha detto ad Euronews Lete. "La Nato e la Russia andranno verso una situazione di stallo negli anni a venire. Il rischio qui è che vediamo la geografia dell'Europa orientale cambiare drasticamente", ha evidenziato. "Abbiamo la guerra in Ucraina. C'è il rischio che la Russia attacchi anche altri Paesi, come la Moldova. Vediamo che la Bielorussia non è più un Paese neutrale. La Bielorussia è di fatto utilizzata per operazioni militari, quindi questo cambia drasticamente i confini della Nato", ha specificato. "Quindi sì, c'è un conflitto in corso. Ma in questo momento, il consenso all'interno della Nato è quello di restare dentro i suoi confini e di ridurre al minimo il rischio di ulteriori conflitti".

La prossima settimana la Nato si riunirà ancora, alla presenza del presidente degli Stati Uniti Joe Biden.