This content is not available in your region

Emendato il piano europeo contro il cancro che metteva in relazione bevande alcoliche e tumori

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Emendato il piano europeo contro il cancro che metteva in relazione bevande alcoliche e tumori
Diritti d'autore  Jessica Christian/San Francisco Chronicle

I deputati hanno adottato mercoledì un testo che stabilisce un legame tra consumo di alcol e rischio di cancro, ma all'ultimo minuto l'industria del vino è riuscita ad annacquare le misure.

Le bottiglie di vino e altri prodotti alcolici potrebbero ora dover adattare le loro etichette nel tentativo di prevenire i rischi per la salute, in modo simile a come hanno dovuto adattarsi le confezioni delle sigarette.

Il "Piano europeo contro il cancro" - elaborato dalla Commissione parlamentare speciale per la lotta contro il cancro (BECA per "Beating Cancer") - è stato discusso a Strasburgo al Parlamento europeo, che prepara il terreno a una serie di proposte legislative per rafforzare la L'UE nella sua lotta contro il cancro.

La prevenzione richiede una migliore etichettatura

Il piano prevede programmi di prevenzione che devono "fornire ai cittadini gli strumenti e le informazioni per condurre una vita sana", ha difeso la commissaria europea alla Salute, Stella Kyriakides.

È un'idea supportata da ecologisti europei, tra cui l'eurodeputata Manuela Ripa del gruppo Verdi/ALE.

"Abbiamo bisogno di una migliore etichettatura e i consumatori devono essere in grado di riconoscere a colpo d'occhio se il prodotto è sano", ha affermato Ripa.

“Perché abbiamo dati scientifici che dimostrano che tutte le forme di consumo di alcol, anche con moderazione, possono portare a forme di cancro. Perché non proteggere i nostri consumatori? Questo non impedirà a nessuno di bere un bicchiere di vino, ma darà informazioni chiare ai nostri consumatori”, ha aggiunto l'eurodeputato che non vuole mettere il profitto prima della salute.

Vincoli "inaccettabili"

Per l'eurodeputata Joëlle Mélin del gruppo di estrema destra Identità e Democrazia, il testo prepara “un percorso legislativo verso vincoli sovranazionali inaccettabili”.

"Per quanto riguarda l'alcol o il tabacco, ci stiamo avvicinando ai vincoli, anche quando ci sono solo comportamenti festosi, ed è l'industria vinicola europea ad essere in pericolo", ha avvertito.

Il testo è stato infine addolcito da una serie di emendamenti introdotti dai paesi dell'Europa meridionale, i principali produttori, che hanno chiesto di non "criminalizzare" il consumo di bevande alcoliche. Tra gli emendamenti adottati, uno introduce la nozione di “consumo dannoso”. E le etichette non dovrebbero più "avvisare" ma "informare".

"Respingiamo il consumo eccessivo di alcol, dannoso per la salute, e difendiamo il consumo moderato di vino e la nostra famosa dieta mediterranea", ha scritto su Twitter Dolors Montserrat, un eurodeputato spagnolo del gruppo Popular.

Un piano da 4 miliardi di euro

L'eurodeputata e oncologa francese Véronique Trillet-Lenoir ha affermato che è necessario creare un registro delle disuguaglianze tumorali.

“Il cancro colpisce tutti noi. Tuttavia, siamo diseguali di fronte alla malattia. Le differenze nei tassi di sopravvivenza possono variare fino al 25% da un paese all'altro nell'Unione Europea e questo è inaccettabile. È nostro dovere avviare la riduzione di queste disuguaglianze supportata dalla creazione di un registro delle disuguaglianze”, ha affermato Trillet-Lenoir.

Questa priorità ha guidato il lavoro della commissione BECA, che vuole rispondere alla sfida che provoca la morte di 1,3 milioni di persone ogni anno.

Il piano europeo per la lotta contro il cancro riceverà un finanziamento di 4 miliardi di euro, di cui 1,25 miliardi di euro dal futuro programma EU4Health.

Il piano è stato difeso da Kyriakides: "E' la prima volta che l'Europa ha un piano, 4 miliardi di euro, per realizzare azioni e un piano che consideri il fenomeno nel suo insieme".

Il commissario ha aggiunto che la relazione arriva in un momento cruciale perché "l'epidemia di Covid-19 ha avuto un impatto molto specifico sullo sviluppo del cancro ritardando gli screening e la diagnosi precoce, rinviando interventi chirurgici e trattamenti".

Nel suo "Piano europeo per combattere il cancro" presentato all'inizio di febbraio, la Commissione si è posta l'obiettivo di raggiungere una riduzione di "almeno il 10% del consumo dannoso di alcol entro il 2025".