EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Ue, quattro miliardi di euro per la prevenzione e la cura del cancro

Ue, quattro miliardi di euro per la prevenzione e la cura del cancro
Diritti d'autore Kenzo Tribouillard/AFP or licensors
Diritti d'autore Kenzo Tribouillard/AFP or licensors
Di Isabel Marques da Silva
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Commissione europea annuncia un piano decennale di investimenti in studi, prevenzione e trattamento dei tumori, il 40% dei quali sarebbe prevenibile

PUBBLICITÀ

Prevenire il tumore per sconfiggerlo. Alla vigilia della giornata mondiale contro il cancro, la Commssione europea annuncia un piano di lotta contro i tumori che potrà fare affidamento su 4 miliardi di euro da qui al 2030.

I fondi saranno destinati a ricerca, prevenzione, cure e riabilitazione. Secondo stime mediche, il 40% dei tumori protebbe essere prevenuto. Per questo le nuove proposte legislative puntano a cambiare o eliminare alcune abitutidini come il fumo.

"Vogliamo creare una generazione di europei senza dipendenze dal tabacco - ha affermato il vicepresidente della Commissione europea Margaritis Schinas -. Abbiamo l'ambzione di ridurre la percentuale di fumatori in Europa dall'attuale 25% al ​​5% entro il 2040".

Nel 2020, nell'Unione europea sono state 2,7 milioni le persone a cui è stato diagnosticato un cancro, mentre è di un 1,3 milioni il numero dei morti. L'impatto economico si aggira intorno ai 100 miliardi di euro l'anno.

Si stima che entro il 2035, le persone colpite dai tumori potrebbero aumentare del 25%, diventando così la principale causa di morte nell'Ue.

Secondo Sara Cerdas, eurodeputata portoghese di centro sinistra e vicepresidente del commissione parlamentare per la lotta al cancro: "Nel 50 % dei casi, alla comparsa delle malattie tumorali non si conoscono i fattori di rischio che hanno contribuito alla loro formazione. Per questo - auspica -  c'è bisogno di investire di più nella ricerca ma anche in studi epidemiologici di lungo periodo per identificare i fattori di rischio ".

La Commissione europea ha ammesso che la pandemia del Covid-19 ha avuto un impatto negativo sulla capacità di diagnosi del cancro e sulla risposta con trattamenti adeguati.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Genetica e lotta contro il cancro: la banca dati estone

L'Unione Europea si mobilita nella giornata mondiale della lotta al cancro

Ilaria Salis torna in Italia: finito l'incubo in Ungheria