EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Clima, temperature record a marzo per il decimo mese consecutivo

Una netturbina si disseta in piedi su un camion in una giornata calda a Hyderabad, in India, il 12 marzo 2024.
Una netturbina si disseta in piedi su un camion in una giornata calda a Hyderabad, in India, il 12 marzo 2024. Diritti d'autore AP Photo/Mahesh Kumar A.
Diritti d'autore AP Photo/Mahesh Kumar A.
Di Lottie Limb
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Non si ferma la sequenza di record allarmanti per le temperature sulla terra e negli oceani. Un segnale allarmante degli effetti della crisi climatica. Gli scienziati chiedono rapidi tagli alle emissioni di gas serra

PUBBLICITÀ

Il mese scorso è stato il marzo più caldo mai registrato, diventando il decimo mese consecutivo da record, hanno dichiarato gli scienziati del Copernicus Climate Service (C3s).

La temperatura globale dell'aria è stata di 0,73 gradi Celsius al di sopra della media 1991-2020 per il mese di marzo, secondo l'agenzia per il clima dell'Unione europea, e di 0,10 gradi Celsius al di sopra del precedente massimo storico stabilito nel marzo 2016.

Si tratta del decimo mese consecutivo in cui le temperature sono state più calde di quanto mai registrato per il rispettivo periodo dell'anno, dopo che anche febbraio ha superato il vecchio record di un decimo di grado.

Anomalie mensili della temperatura superficiale dell'aria (°C) rispetto al 1850-1900 dal gennaio 1940 al marzo 2024, tracciate come serie temporale per ogni anno
Anomalie mensili della temperatura superficiale dell'aria (°C) rispetto al 1850-1900 dal gennaio 1940 al marzo 2024, tracciate come serie temporale per ogni annoC3S/ECMWF

"Marzo 2024 continua la sequenza di record climatici battuti sia per la temperatura dell'aria che per quella della superficie degli oceani", afferma Samantha Burgess, vice direttrice del C3s.

"La temperatura media globale è la più alta mai registrata, con gli ultimi 12 mesi che hanno superato di 1,58 gradi i livelli pre-industriali. Per fermare l'ulteriore riscaldamento è necessario ridurre rapidamente le emissioni di gas serra".

La temperatura da record degli oceani del Pianeta

Non solo la temperatura dell'aria, anche gli oceani del mondo riflettono la situazione di crisi senza precedenti.

Il mese scorso le temperature dell'aria sono rimaste a livelli insolitamente alti, nonostante El Niño si sia indebolito nell'Oceano Pacifico orientale.

Come riferito in precedenza dal direttore di Copernicus, Carlo Buontempo, il fenomeno El Niño, iniziato a giugno, non spiega completamente il periodo eccezionalmente caldo in cui la Terra si è trovata negli ultimi dieci mesi.

"Mentre El Niño aggiunge e sottrae (gradi), a seconda della fase in cui si trova, dalla temperatura media globale, c'è qualcosa che si continua ad aggiungere", ha detto. "E questi sono i gas serra".

Temperatura giornaliera della superficie del mare (°C) mediata sull'oceano globale extra-polare (60°S-60°N) per il 2016 (giallo), 2023 (rosso) e 2024 (linea nera).
Temperatura giornaliera della superficie del mare (°C) mediata sull'oceano globale extra-polare (60°S-60°N) per il 2016 (giallo), 2023 (rosso) e 2024 (linea nera).Copernicus Climate Change Service/ECMWF

La temperatura media globale della superficie del mare a marzo è stata di 21,07 gradi: il valore mensile più alto mai registrato. Questa lettura per gli oceani, che esclude le estremità polari della Terra, è marginalmente superiore ai 21,06 gradi Celsius registrati a febbraio.

Ma anche nei gelidi oceani polari si stanno verificando dei record. L'estensione del ghiaccio marino antartico, definita come l'area totale dell'oceano che contiene ghiaccio marino in concentrazioni superiori al 15 per cento, è stata del 20 per cento inferiore alla media a marzo.

Secondo il C3s, questa è la sesta estensione più bassa di marzo nella storia dei dati satellitari, e continua una serie di grandi anomalie negative osservate dal 2017.

Il secondo marzo più caldo mai registrato in Europa

Per l'Europa, il mese scorso è stato il secondo marzo più caldo mai registrato, con solo  0,02 gradi Celsius in meno rispetto al marzo 2014.

La temperatura media del continente è stata di 2,12 gradi superiore alla media 1991-2020 per il mese di marzo, con la maggiore oscillazione verso l'alto nelle regioni centrali e orientali.

Dal punto di vista idrico, il mese di marzo è stato più piovoso della media nella maggior parte dell'Europa occidentale, in quanto le tempeste hanno portato forti precipitazioni nella Francia meridionale e nella penisola iberica. Anche le regioni scandinave sono state più colpite dall'umidità rispetto alla media.

Il resto dell'Europa è stato invece in gran parte più secco della media, con precipitazioni particolarmente scarse nella Norvegia nord-occidentale.

Il superamento della soglia critica di 1,5 gradi si avvicina: bisogna ridurre i gas serra

Copernicus utilizza miliardi di misurazioni effettuate grazie a satelliti, navi, aerei e stazioni meteorologiche di tutto il mondo per elaborare le sue analisi e i suoi risultati, pubblicati per conto della Commissione europea.

Copernicus ha precedentemente riferito che nel gennaio 2024, per la prima volta nella storia, il riscaldamento globale ha superato 1,5°C per un intero anno.

PUBBLICITÀ

La media su 12 mesi che ha raggiunto 1,52 gradi nel gennaio 2024 si attesta ora a 1,58 gradi negli ultimi 12 mesi, rispetto alla media preindustriale del 1850-1900.

Nella ristretta finestra che rimane per impedire che questo superamento temporaneo di una soglia critica diventi permanente, il messaggio diretto del dottor Burgess merita di essere ripetuto: "Per fermare l'ulteriore riscaldamento è necessario ridurre rapidamente le emissioni di gas serra".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Crisi climatica, Ue: torna freddo dopo i picchi di caldo a rischio i frutteti

"Eravamo fiduciosi": gli ambientalisti riflettono sull'azione dell'Ue per il clima

Sentenza storica collega clima a diritti umani: la Cedu condanna la Svizzera