EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Negli ultimi 25 anni l'Europa ha speso più per le strade che per le ferrovie

Trasporto ferroviario vs automobili
Trasporto ferroviario vs automobili Diritti d'autore canva
Diritti d'autore canva
Di Charlotte Elton
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Un nuovo rapporto rivela come i Paesi europei stiano chiudendo reti ferroviarie per costruire più strade e autostrade

PUBBLICITÀ

Negli ultimi 30 anni l'Ue ha perso più di 15 mila km di linee ferroviarie e quasi 2.600 stazioni. Secondo una nuova ricerca, gli investimenti in questo settore sono diminuiti drasticamente mentre sono aumentati quelli per le strade. 

Con il ridursi del divario di finanziamento tra reti ferroviarie e stradali ci si chiede se potrebbe esserci una luce in fondo al tunnel.

La lunghezza delle autostrade in Europa è cresciuta del 60% tra il 1995 e il 2020, pari a 30.000 km, secondo uno studio condotta dai thinktank tedeschi Wuppertal Institute e T3 Transportation, commissionato da Greenpeace.

Nel frattempo, le ferrovie si sono ridotte del 6,5%, pari a 15.650 km, e più di 2.500 stazioni ferroviarie sono state chiuse.

I dati rivelano come i governi diano la priorità alle automobili rispetto ai treni, ha avvertito Lorelei Limousin, attivista senior di Greenpeace Europa per il clima.

"Milioni di persone fuori dalle città non hanno altra scelta che avere un'auto per andare al lavoro, portare i bambini a scuola o accedere ai servizi di base, vivendo in aree con trasporti pubblici scarsi o inesistenti", ha dichiarato.

"Questo è il risultato diretto dello smantellamento delle reti ferroviarie locali e regionali da parte dei governi, che hanno invece investito denaro nelle infrastrutture come strade e autostrade".

Tuttavia, c'è un piccolo lato positivo in questa preoccupante ricerca: il divario di finanziamento si sta riducendo.

canva
Germany has reduced its rail infrastructure overall over the past three decades, though it still has the most extensive network in Europe.canva

Tra il 1995 e il 2018, i Paesi europei hanno speso il 66% in più per le strade rispetto alle ferrovie. Nel periodo 2018-2021, i Paesi europei hanno speso il 34% in più per l'ampliamento delle strade rispetto a quello delle ferrovie.

Tuttavia, la disparità è ancora stridente , ha commentato Limousin.

"I governi e l'Unione europea devono frenare lo smantellamento delle nostre linee ferroviarie, riaprire i binari in disuso e investire nella ferrovia, fermare i massicci sussidi per le strade che distruggono il clima, inquinano l'aria e rendono la vita delle persone miserabile", ha sottolineato Limousin.

Quali Paesi europei hanno investito nel trasporto pubblico?

I treni sono uno dei mezzi di trasporto più ecologici. Le auto, i furgoni e i camion sono responsabili del 72% delle emissioni in Europa mentre la ferrovia incide solo per lo 0,4%. Ma i governi continuano a investire in infrastrutture inquinanti.

I Paesi dell'Ue-27, la Norvegia, la Svizzera e il Regno Unito hanno speso circa 1.500 miliardi di euro per le infrastrutture stradali e solo 930 miliardi di euro per quelle ferroviarie nel periodo 1995-2020.

Dieci paesi hanno registrato un aumento netto della lunghezza delle loro reti ferroviarie dal 1995. Si tratta di Belgio, Croazia, Estonia, Finlandia, Irlanda, Italia, Paesi Bassi, Slovenia, Spagna e Svizzera.

La maggior parte delle chiusure ferroviarie è avvenuta in Germania ( con una riduzione di 6.706 km), Polonia (4.660 km) e Francia (4.125 km). Nonostante ciò, questi tre Paesi detengono ancora la rete totale più lunga, seguiti da Regno Unito e Spagna.

PUBBLICITÀ

Tra il 2018 e il 2021, Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Italia, Lussemburgo e Regno Unito hanno investito di più in ferrovie che in strade. Gli altri Paesi hanno speso più per le strade che per le ferrovie. In Romania, il divario di finanziamento è stato particolarmente marcato, con il governo che ha speso 12 volte di più per le strade che per le ferrovie.

Le autostrade sono cresciute maggiormente in Irlanda, Romania e Polonia e meno in Lituania, Lettonia e Belgio. In 15 dei 30 Paesi analizzati, la lunghezza delle autostrade è più che raddoppiata, tra cui Spagna, Norvegia e Grecia.

Come migliorare la rete ferroviaria europea

Diversi paesi europei hanno puntato su tariffe più economiche per il trasporto pubblico nel tentativo di ridurre le emissioni. Più di tre milioni di persone hanno acquistato il Deutschlandticket in Germania, al prezzo di 49 euro al mese.

Ma le tariffe economiche non sono sufficienti. Greenpeace ha esortato i politici a stanziare fondi per le ferrovie, i trasporti pubblici e le piste ciclabili e a distoglierli dalle autostrade e dagli aeroporti.

PUBBLICITÀ

I ricercatori ritengono che oltre 13.500 km di linee ferroviarie chiuse potrebbero essere riaperte "con relativa facilità".

"Le nazioni europee si sono impegnate a ridurre la povertà energetica e dei trasporti e si sono impegnate a rispettare l'Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici", esortano gli autori del rapporto.

Pertanto, da una prospettiva sociale e ambientale, le priorità di finanziamento delle infrastrutture di trasporto devono cambiare di conseguenza".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Senna potrà davvero ospitare gli eventi olimpici?

Le giornate sulla Terra si stanno allungando: la causa potrebbe essere il cambiamento climatico

Europa centrale e meridionale soffocata dal caldo torrido, il Nord Italia colpito dal maltempo