EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Trasporto pubblico in Europa, non basta la gratuità per convincere le persone ad abbandonare l'auto

Image
Image Diritti d'autore AP
Diritti d'autore AP
Di Michela Morsa
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Sempre più Paesi cercano di aumentare l'utilizzo dei trasporti pubblici da parte dei cittadini. Ma la soluzione è davvero quella di rendere gratuiti autobus, tram e treni?

PUBBLICITÀ

Il Lussemburgo ha recentemente festeggiato tre anni di trasporti pubblici gratuiti. E, a detta di chi ci vive, è stato un successo clamoroso. Con l'aumentare dei Paesi che cercano di incoraggiare i cittadini ad abbandonare le auto per ridurre le emissioni di carbonio, il modello del Lussemburgo potrebbe essere replicato con successo in tutta Europa?

"La qualità del trasporto pubblico deve cambiare completamente", afferma Francois Bausch, vice primo ministro e ministro lussemburghese della Mobilità e dei Lavori Pubblici e della Difesa. "Non esiste una bacchetta magica. Non è un solo mezzo di trasporto che risolverà tutti i nostri problemi, ma bisogna essere veramente multimodali, bisogna mescolarli".

Come ha fatto il Lussemburgo a trasformare la sua rete di trasporti?

Bausch spiega che il Paese ha deciso di rendere gratuito il trasporto pubblico per due motivi: dare a tutti un accesso equo e incoraggiare il dibattito e la consapevolezza su un decennio di cambiamenti nel sistema di mobilità.

Nel 2013, quando Bausch ha assunto il suo incarico, gli ingorghi nelle ore di punta erano un evento quotidiano nel centro di Lussemburgo. Ora non ce ne sono più, grazie all'aumento dell'uso del sistema tranviario e alla riorganizzazione del funzionamento delle strade.

Il tram ha il diritto di precedenza esclusivo e ha la priorità agli incroci, quindi non rimane mai bloccato negli ingorghi. Questo, unito al fatto che è gratuito, incoraggia un maggior numero di persone a utilizzarlo. Bausch lo vede come l'emblema del successo della trasformazione dei trasporti del Lussemburgo.

Le automobili non sono scomparse del tutto e il Paese ha ancora il più alto numero di auto per famiglia in Europa. Ogni giorno circa 230.000 persone attraversano il confine con il Lussemburgo per andare a lavorare e il 75% di questi spostamenti avviene in auto.

"Non si dovrebbe discutere contro qualcosa, ma a favore di qualcosa", afferma Bausch. "Non faccio politiche contro l'auto, ma a favore di un altro sistema di mobilità in cui l'auto ha un suo posto".

La gratuità dei trasporti pubblici incoraggerà più persone a utilizzarli?

La gratuità dei trasporti pubblici non è necessariamente la risposta. Funziona in un Paese ricco come il Lussemburgo, ma per altri l'obiettivo dovrebbe essere quello di renderlo economico, facile da usare e accessibile.

Un recente rapporto di Greenpeace sui trasporti pubblici in Europa afferma che la riduzione dei prezzi è uno dei "modi più semplici e rapidi" per incoraggiare le persone a utilizzarli. Il costo deve essere inferiore a quello di un'automobile perché ci sia un vero incentivo. 

E, per la maggior parte delle persone, il trasporto pubblico in Lussemburgo non è davvero gratuito. "Ovviamente viene pagato attraverso la fiscalità generale e poiché le persone che pagano più tasse di fatto non hanno accesso gratuito ai trasporti, pagano indirettamente attraverso le loro tasse", dice Bausch. "Ma coloro che, ad esempio, non guadagnano nulla o molto poco e quindi non pagano tasse o ne pagano poche, ne usufruiscono davvero gratis".

Per quanto riguarda la riduzione dei prezzi, il rapporto di Greenpeace evidenzia altre potenziali fonti di finanziamento, come il trasferimento di fondi dai sussidi ai combustibili fossili, le tasse sui biglietti aerei o l'eliminazione dell'IVA dai biglietti.

Ci sono altri modi per incoraggiare l'uso del trasporto pubblico?

Un altro fattore importante per convincere le persone a smettere di usare l'auto è la facilità di navigazione nelle reti di trasporto.

"Si può rendere il trasporto pubblico gratuito e in seguito può essere facilmente un fiasco perché non c'è nessuna infrastruttura collegata", afferma Herald Ruitjers, direttore della DG Move, l'organismo della Commissione europea responsabile dei trasporti nell'Ue. "Non c'è una biglietteria collegata, non c'è una combinazione tra le diverse modalità e connettività con il cittadino... E lì è finita".

Secondo Bausch, la trasformazione del Lussemburgo va ben oltre il trasporto gratuito. Ad esempio, negli ultimi anni il Paese ha investito circa 500 euro per cittadino all'anno per modernizzare e ampliare la rete ferroviaria.

"Investiamo quattro, cinque, sei volte di più nella qualità della rete ferroviaria rispetto a tutti gli altri Paesi europei. E ovviamente abbiamo anche riformato completamente il sistema degli autobus nazionali che abbiamo". "Se vuoi che le persone cambino le loro abitudini, devi assicurarti che l'alternativa funzioni davvero", aggiunge.

Perché dobbiamo passare al trasporto pubblico invece che all'automobile?

Che sia gratuito o meno, l'obiettivo principale è che più persone utilizzino i trasporti pubblici. Ma perché, se il futuro è rappresentato dalle auto elettriche?

"Il trasporto pubblico è molto più efficiente del trasporto individuale", spiega Ruitjers. "Le auto individuali consumano circa sette volte più elettricità. Ora sto parlando di auto elettriche del futuro rispetto, ad esempio, a un treno, un tram o una metropolitana".

Ciò significa che, anche in futuro, quando saremo completamente decarbonizzati, dovremo ancora affidarci al trasporto pubblico per la capacità e l'efficienza energetica.

PUBBLICITÀ

"Bisogna trovare un equilibrio tra ciò che è necessario per avere un pianeta vivibile e ciò che è necessario per garantire che questo possa essere qualcosa di socialmente sopportabile per tutti", conclude Ruitjers.

Guardate il video qui sopra per saperne di più su come l'Europa può trasformare il suo trasporto pubblico.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Trasporto sostenibile: torna il treno notturno Berlino-Parigi dopo dieci anni, boom di prenotazioni

Come funzionano i nuovi biglietti illimitati per il trasporto pubblico di Germania e Ungheria?

Come risparmiare con i trasporti pubblici nelle città europee