EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Grandi capitali europee, approcci diversi ai trasporti conducono a futuri urbani alternativi

People cross Elgin Street on rental e-scooters as haze from wildfire smoke is seen in the air, in Ottawa.
People cross Elgin Street on rental e-scooters as haze from wildfire smoke is seen in the air, in Ottawa. Diritti d'autore Justin Tang/AP
Diritti d'autore Justin Tang/AP
Di Euronews Digital
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Parigi mira a diventare una città ciclabile al 100%, al contrario Londra estende la sperimentazione degli e-scooter

PUBBLICITÀ

Approcci diversi ai trasporti stanno portando a futuri urbani alternativi in due grandi capitali europee,

Parigi mira a diventare una città ciclabile al 100%, implementando una zona pedonale il prossimo anno.

Prendendo la decisione di vietare gli scooter elettrici self-service, Londra, al contrario, ha esteso la sperimentazione degli e-scooter almeno sino a maggio del prossimo anno.

Sono due milioni i viaggi in scooter effettuati sino ad oggi.

"In realtà non ho problemi con gli e-scooter - dice James Metclaf, Volt Bikes - purché siano regolamentati correttamente e non vadano troppo veloci".

Nonostante ci siano velleità di espandere le piste ciclabili protette a Londra, l’incapacità di apportare cambiamenti a livello urbano porta in dote una mancanza di continuità sulle strade.

"Francamente è ridicolo - dice Rendel harris, ciclista - puoi dare alle persone 15 miglia di piste ciclabili ma se c'è un miglio pericoloso non lo rischieranno, la gente ha paura".

Come Londra, Parigi ha visto un notevole aumento del ciclismo, ma a differenza di Londra i cambiamenti vengono apportati a livello municipale.

Com'è pedalare in entrambi i casi?

"Parigi ha più piste ciclabili e sono messe in sicurezza", asserisce Charlotte Florence, una parigina che vive e lavora a Londra, ma pedala regolarmente sulle piste ciclabili di Parigi.

"È sicuramente più facile e accessibile a tutti andare in bicicletta a Parigi che a Londra - continua - la maggior parte delle persone a Parigi noleggia una bicicletta se in visita, ma qui se sono in visita degli amici non lo consiglierei".

Parigi sta investendo 250 milioni di euro nel suo piano centralizzato per migliorare le infrastrutture ciclistiche entro il 2026.

A Londra, una città molto più grande, la cifra è tripla, ma a differenza di Parigi è devoluta nelle mani di determinati quartieri.

"In definitiva - dice Claire Rogers, coordinatrice della campagna ciclistica di Londra - ci sono 33 diversi approcci al ciclismo e si spazia davvero da situazioni ottimali a luoghi come Kensington e Chelsea, dove c'è una massiccia resistenza alle infrastrutture ciclistiche".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

In bicicletta in Europa: Quali sono i paesi e le città dove è più diffusa?

Londra, anche il gruppo Wagner nella lista delle organizzazioni terroristiche

Londra, le proteste dei cittadini contro l'espansione del pedaggio anti-emissioni