EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Le verdi foreste estive europee sono un ricordo? Il clima caldo e secco rende marroni gli alberi

Temperate forests in central Europe are starting to suffer from early tree browning.   -
Temperate forests in central Europe are starting to suffer from early tree browning. - Diritti d'autore Canva
Diritti d'autore Canva
Di Angela Symons
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

L'anno scorso è stato colpito il 37% delle foreste mediterranee e dell'Europa centrale, rivela un nuovo studio

PUBBLICITÀ

La siccità e le ondate di caldo stanno facendo diventare marroni le foreste europee nei mesi estivi.

L'anno scorso è stato colpito il 37% delle foreste mediterranee e dell'Europa centrale, rivela un nuovo studio.

I ricercatori dell'Università ETH di Zurigo e dell'Istituto federale di ricerca per le foreste, la neve e il paesaggio (WSL) hanno esaminato il fenomeno negli ultimi 21 anni.

I risultati, pubblicati sulla rivista Biogeosciences, mostrano che l'imbrunimento estivo delle foreste si sta diffondendo in tutta Europa.

Cosa c'è dietro l'imbrunimento estivo delle foreste in Europa?

Utilizzando dati satellitari ad alta risoluzione, i ricercatori hanno identificato i periodi in cui le aree forestali non erano così verdi come avrebbero dovuto essere durante l'estate.

Sebbene la siccità abbia svolto un ruolo centrale nell'imbrunimento delle foreste, i suoi effetti non sono stati immediati.

I ricercatori hanno notato un "effetto legacy" di periodi di siccità intensi e persistenti, il che significa che la capacità degli alberi di sopravvivere al caldo e alla siccità dipende non solo dal clima attuale ma anche da quello dei mesi e degli anni precedenti.

Scavando nella storia degli eventi di bassa vegetazione, i ricercatori hanno identificato i segnali meteorologici che hanno colpito gli alberi anni dopo. 

In particolare, frequenti periodi di poca pioggia nel corso di due o tre anni sono stati un precursore dell'imbrunimento estivo.

Anche i frequenti periodi di temperature elevate per almeno due anni nelle zone temperate hanno avuto un impatto significativo.

"Prima della scarsa vegetazione delle foreste nell'Europa centrale, di solito osservavamo due estati secche e calde di fila", afferma Mauro Hermann, studente di dottorato dell'ETH e autore principale dello studio.

La siccità favorisce anche le infestazioni da scarafaggi e funghi della corteccia, così come gli incendi boschivi, che possono contribuire indirettamente all'imbrunimento, osservano i ricercatori.

Quali parti d'Europa sono le più colpite dall'imbrunimento delle foreste?

Il Mediterraneo soffre dell'imbrunimento estivo delle foreste dall'inizio degli anni 2000.

Negli ultimi anni, il problema si è diffuso alle foreste temperate dell'Europa centrale.

Con il 2022, l'estate più calda mai registrata nel continente, l'Europa ha registrato il suo imbrunimento più esteso, con oltre un terzo delle foreste colpite in queste regioni.

Questo è "molto più di qualsiasi altro evento negli ultimi due decenni", secondo Hermann.

Cosa significa questo imbrunimento per le foreste europee?

La riduzione del verde è un segno di ridotta vitalità e aumento dello stress nelle foreste ed indica anche la morte della foresta stessa.

In passato, le estati calde e secche erano meno frequenti in Europa: dopo l'ondata di caldo record del 2003, il colore delle foreste europee non è stato minimamente influenzato.

PUBBLICITÀ

Ma dal 2018, ripetute siccità su larga scala e temperature elevate hanno portato a un imbrunimento esteso.

Con la ripetizione dell'estate record del 2022, calda e secca, quest'anno, l'imbrunimento delle foreste potrebbe diventare ancora più diffuso in Europa.

Gli abeti rossi e i faggi della Germania e della Svizzera, in particolare, sono appassiti prematuramente, poiché intere foreste si sono deformate sotto il costante caldo e lo stress da siccità.

"Il monitoraggio mirato delle condizioni meteorologiche per diverse stagioni potrebbe fornire preziose informazioni sulla probabilità che si verifichi una decolorazione prematura delle foglie l'estate successiva", afferma Thomas Wohlgemuth, capo dell'unità di ricerca Forest Dynamics presso WSL e coautore dello studio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Emergenza siccità: il lago di Garda pieno per poco più di un terzo

Le zanzare tigre si diffondono in Europa: come possiamo difenderci?

Giustizia climatica: dalle Nazioni Unite una risoluzione storica